La Sampdoria supera il Verona. Le voci di Ranieri e Jurić nel vuoto di Marassi.

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

La Sampdoria supera in rimonta il Verona Hellas nel recupero della 26° giornata.

La zampata di Zaccagni sblocca il primo tempo

Niente pubblico, poco spettacolo. Un copione al quale ci dovremo abituare, salvo ulteriori colpi di scena. Vale anche per Sampdoria-Verona. Meglio gli scaligeri che vanno vicini al gol dopo undici minuti con l’incornata di Di Carmine su cross di Lazović. Alla mezz’ora ci prova Amrabat con una staffilata da fuori; gran colpo di reni di Audero. Il gol del Verona arriva tre minuti dopo con Zaccagni che insacca di destro su assist di Lazović. Per la Lega Serie A è però autogol di Audero.

La Samp si scuote nella ripresa

Scenario stravolto nel secondo tempo. La Sampdoria si sveglia e prende campo. Il portiere scaligero Silvestri deve fare gli straordinari sui tentativi blu-cerchiati di Linetty, Depaoli Tonelli. Il pareggio arriva al 32′ con un’azione iniziata e conclusa da Quagliarella su assist di Depaoli. All’85’ Dawidowicz colpisce Ekdal con una gomitata: l’arbitro concede il rigore dopo consulto al VAR e Quagliarella dal dischetto è implacabile. La Samp porta a casa tre punti pesantissimi.

Sampdoria-Verona: Ranieri e Jurić nel post partita

Questi i commenti degli allenatori nel post gara su Sky Sport. Ranieri:«È stata una partita surreale, ma siamo professionisti e dobbiamo farlo. Quagliarella? Sta ritrovando la sua vena realizzativa. Si allena bene e doveva uscire fuori da questo periodo. La partita per noi è cambiata quando siamo passati a cinque, da lì si è vista un’altra squadra. Il gol subito poi ci ha fatto entrare ancor di più in partita. Il caos di oggi? Dovevo fare il meeting con la squadra e ho deciso di farlo allo stadio, ma è stato un macello. Giocare o no? La penso come Klopp. Io sono un allenatore, l’importante è che ci sia chiarezza.»

Jurić:«Penso che abbiamo regalato la partita, anche i gol loro sono nati da errori nostri. Non abbiamo avuto abbastanza fame. Non esistono alibi, anche se sono contento della prestazione, ma nel calcio contano anche gli episodi. Oggi però dovevamo fare qualcosina in più. Giocare o no? Per me è tutto ridicolo, ci sono tante contraddizioni. Va bene tutto, l’importante è che ci sia coerenza!»

FOTO: U.C. Sampdoria Facebook.

COMMENTA L'ARTICOLO