La Juventus supera un’ottima SPAL ma rimane ancora prigioniera dei suoi vizi

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

La Juventus supera di misura la SPAL nel terzo anticipo della 25° giornata di Serie A. 

Primo tempo in bilico tra SPAL e Juve, ma ci pensa il solito CR7

Primo tempo a reti bianche. Inizio piuttosto aggressivo della SPAL, la Juve fa fatica ad uscire soprattutto nei primi cinque minuti. La Juventus si affida soprattutto alle giocate di Dybala Ronaldo. L’argentino colpisce il palo dal limite al 37′ con Berisha battuto. Il portoghese la sblocca come al solito, sfruttando una palla perfetta di Cuadrado sulla destra, imbeccato da un lancio di Ramsey.

La Juventus cresce nel secondo tempo, ma regala il solito gol agli avversari

Più Juve in avvio di ripresa. I bianconeri sono più determinati e sfiorano più volte il gol del raddoppio. Raddoppio che arriva al quarto d’ora: bella palla di Dybala per Ramsey che si inserisce in area e supera il portiere con un delizioso pallonetto. La SPAL non è morta e ha la possibilità di riaprire la contesa, quando al 21′ Rugani (subentrato a Chiellini) stende in area Missiroli. L’arbitro decreta il rigore dopo un lungo consulto con il VAR. Dal dischetto Petagna spiazza Szczęsny e fa 2-1 al 24′. Ronaldo potrebbe infliggere il colpo del k.o. definitivo a cinque dalla fine, ma continua la sua maledizione su punizione; la palla colpisce la traversa. Il 2-1 parziale rimane invariato fino alla fine.

FOTO: Juventus FC Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO