Juventus Sampdoria : 2-0 . Sarri:” La Champions? Non voglio pensarci”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

 Juventus-Sampdoria 2-0 e  nono scudetto di fila

Si conclude sul 2 a 0 il posticipo tra Juve e Sampdoria. Partita divertente con diverse occasioni per entrambe le squadre, che però vede trionfare la squadra di Sarri. La Juventus passa in vantaggio manco a dirlo con CR7 che firma su rigore al minuto 51 del primo tempo. La ripresa vede la Juventus abbassare il baricentro e subire gli attacchi della Sampdoria, che però trova un muro davanti alla porta ; chiamato Szczesny . Al minuto 67 raddoppia Bernardeschi che chiude la partita. Ci sarebbe spazio per il 3 a 0 su rigore, ma CR7 spara un missile sulla traversa.

Le parole di Sarri:

Ha lasciato per questo i calciatori in campo?
“Avevo paura della secchiata, ma l’ho presa ugualmente”.

Come sta Dybala?
“Verrà valutato domani. Le sensazioni ci portano a pensare a un problema muscolare”.

Qual è la cosa positiva che ha trovato alla Juve?
“A livello di organizzazione la società credo sia tra le top europee, non potevo aspettarmi di meglio. Bisogna entrare in punta di piedi e poi cambiare gradualmente le cose che non vanno bene: non sarebbe intelligente fare il contrario”.

Che difficoltà ha riscontrato?
“Far convivere certi giocatori che hanno le proprie caratteristiche e poi cercare di farli giocare insieme, non era scontato come si è visto negli anni scorsi. Perché alla fine Dybala e Ronaldo hanno giocato insieme, ma non sempre. Hanno caratteristiche particolari, pur essendo fuoriclasse assoluti, ma non è semplice farli convivere. Alla lunga ce l’abbiamo fatta”.

Cosa avete perso durante la lunga sosta?
“Prima del lockdown, nell’ultima settimana, abbiamo dato sensazione di solidità che abbiamo perso dopo questi mesi di stop. Ma è successo a tutte le squadre di allungarsi, c’erano componenti fisiche e mentali che portavano a questo. Non è stato semplice, se la squadra trova più ordine ha ampi margini di miglioramento”.

Adesso arriva il bello o arriva il difficile?
“Farei anche a meno di pensarci questa sera. Una notte di soddisfazione vorrei passarla, come vorrei la passassero tutti i calciatori. Con la Champions arriva il bello e il difficile, vedremo come ci arriveremo”.

Le sensazioni dopo un anno?
“Il primo giorno, quando entri, vedi campioni. Dopo un anno vedi i ragazzi e le persone. Non vedi più solo i fuoriclasse”.

Fonte foto: @Juventus.com

COMMENTA L'ARTICOLO