Juventus, Pirlo: “Maradona idolo d’infanzia. Inzaghi è malato di calcio”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus, ha parlato ai microfoni di Juventus TV, presentando la trasferta di Benevento in programma per domani alle ore 18:00. Queste le sue parole riportate da tuttomercatoweb.com:

SULLA SCOMPARSA DI  MARADONA: “Per tutti noi ragazzi che volevamo fare i calciatori è stato un idolo, il dio del calcio. Mi ricordo benissimo i Mondiali dell’86, che lui vinse con la sua Argentina. Andavo in giardino e provavo a replicare le sue gesta, scartando tutti gli avversari. Il ricordo è indelebile, è stato un calciatore unico che ha fatto la storia di questo sport. Sono stato fortunato a poterlo incontrare anche più di una volta“.

SUL BENEVENTO: “Sono una squadra ben organizzata, si chiudono bene in difesa e ripartono con velocità. Hanno calciatori tecnici e veloci. Anche il Napoli è andato in difficoltà, dovremo stare molto attenti. Sono una squadra tosta, so cosa vorranno fare perché conosco benissimo l’allenatore. Cercheranno di coprire il campo e ripartire, noi dovremo essere pronti. Vogliamo portare a casa i 3 punti“.

SU INZAGHI: “Lo conosco benissimo ovviamente. Si è messo subito in discussione perché fare l’enorme passo indietro che ha fatto dopo la partenza con il Milan è stato ammirevole. Ripartendo dalla C con il Venezia si è conquistato la Serie A con i risultati. Un malato di calcio, ed è per questo che arriverà in alto“.

SULLA SUA JUVENTUS: “Tante squadre che ci affronteranno giocheranno come il Benevento domani, chiudendosi e ripartendo. Dobbiamo essere più bravi rispetto al Ferencvaros, muovere il pallone più velocemente e attaccare meglio gli spazi. Dobbiamo muoverci di più in campo. Ora però siamo più consapevoli rispetto a tempo fa, sappiamo cosa vogliamo fare e cerchiamo di portare il frutto degli allenamenti in partita. Ora abbiamo una struttura definita ed andrà meglio“.

SU RECUPERI E ASSENTI: “Bonucci sta bene ed è convocato, fortunatamente visto che Alex Sandro invece è ancora affaticato. Non giocava da due mesi e domani riposerà inizialmente. Cristiano Ronaldo non verrà con noi, è stanco e riposerà, era già in programma. Ramsey c’è, e come già detto per me è un trequartista, un calciatore intelligente, sempre nel posto giusto, trova bene lo spazio per giocare“.

Foto: profilo ufficiale Twitter JuventusTV

COMMENTA L'ARTICOLO