Juventus, Paratici: “Siamo contenti del percorso che stiamo facendo. Può succedere di non vincere”

Sorry! You are blocked from seeing ads

SEGUICI SU

La Juventus cade incredibilmente per 1-0 tra le mura amiche per mano del Benevento dopo una pessima partita degli uomini di Andrea Pirlo. La Juve vede allontanarsi definitivamente lo Scudetto e adesso dovrà guardarsi le spalle per difendere la zona Champions. Fabio Paratici ha commentato così la pesante sconfitta ai microfoni di Sky Sport:

SULLA PARTITA: “In questi anni abbiamo dato tante gioie ai tifosi, oggi diamo una grande amarezza. Abbiamo fatto una pessima partita, dobbiamo andare avanti e finire la stagione. Se giochi nella Juventus sei abituato ad avere pressione. Abbiamo giocato una pessima gara, ma i calciatori sono forti e sanno gestire la pressione. Ci sono tanti aspetti da analizzare, lo faremo in queste due settimane. Ci sarà tempo per pensare a tutto. Non abbiamo effettuato una prova alla nostra altezza e ce ne rammarichiamo“.

SUGLI EPISODI: “Non voglio commentare l’episodio di Chiesa, non sono qui per questo. Le gare vanno analizzate escludendo gli episodi. Mi sembrava fallo ma non mi interessa“.

SUL FUTURO: “La partita non sposta le nostre idee, abbiamo una programmazione da seguire. Seguiremo la linea tracciata, che continua così. Siamo contenti di quello che stiamo facendo, cercando di abbassare la testa e migliorare. Non eravamo insoddisfatti degli allenatori precedenti, abbiamo cambiato per altri motivi. Non sono le sconfitte o le vittorie a determinare le idee  di un club. Seguiamo la nostra linea. La parola transizione non esiste alla Juventus, giochiamo sempre per vincere. Abbiamo cambiato molto negli anni e continueremo a farlo. Può succedere di non vincere. Ho sentito dire tante volte che è finito un ciclo, eppure abbiamo cambiato e vinto. A volte costruisci e vinci. Altre non ti riesce, seguiamo la nostra linea“.

SU RONALDO: “Cristiano Ronaldo è il migliore del mondo e ce lo teniamo stretto“.

LEGGI ANCHE: Juventus, Pirlo: “Dobbiamo cambiare la testa, non siamo stati concentrati. Non giudico il mio lavoro”

LEGGI ANCHE: De Sciglio sul futuro: “Vorrei restare al Lione, ma dipende dalla Juventus”

 

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads