Foto: logo Juventus

Il direttore di Tuttosport, Xavier Jacobelli ha parlato della situazione in casa bianconera dopo il deludente pareggio del Franchi contro la Fiorentina. Le sue parole:

“La vera domanda da porsi è se la Juventus voglia realmente qualificarsi alla prossima Champions League. La classifica piange, i bianconeri sono dietro all’Atalanta e dopo il pessimo primo tempo giocato con la Fiorentina, rischia anche il quarto posto. L’anno scorso Sarri si ritrovava in testa alla classifica con 6 punti di distacco sull’Inter, mentre quest’anno ha 11 punti in meno rispetto all’anno scorso. Rispetto alla Juve 2018-19 allenata da Allegri, sarebbero 21 i punti di distacco con 87 punti che valsero lo scudetto aritmetico alla squadra del tecnico livornese. L’unica Juventus capace di fare peggio di quella attuale è stata quella di Luigi Delneri, finita al settimo posto in campionato con un distacco di 19 punti sul Milan Campione d’Italia, allenato sempre da Massimiliano Allegri.”

” L’Atalanta si è confermata un’ avversaria ostica dopo la vittoria per 5-0 contro il Bologna e un gioco collettivo sempre più convincente. In attesa del Napoli e del Milan, la Juventus deve ritrovare la sua forza e la sua sicurezza perché il rischio di non centrare il quarto posto si fa concreto. Fallire questo obiettivo significherebbe andare incontro ad una stagione disastrosa che mette in discussione Pirlo e tutti i dirigenti bianconeri. Il contratto di Paratici scade a giugno, il progetto Superlega è accantonato e le voci di Nasi e Chistillin si fanno sempre più insistenti. La Juventus deve concentrarsi sulle ultime partite, preparando anche la finale di Coppa Italia contro un’Atalanta che al momento è nettamente favorita. Sarà fondamentale il recupero di Cristiano Ronaldo, ormai a secco dal 7 aprile scorso.”

Fonte: tuttojuve.com

LEGGI ANCHE:Juventus, il futuro di Pirlo appeso alla Champions

LEGGI ANCHE:Superlega: la triste storia di un calcio sempre più economico e meno romantico

Articolo precedenteJuventus, il futuro di Pirlo appeso alla Champions
Articolo successivoInter, allenatore che vince, si cambia: Conte potrebbe essere l’eccezione