Inter-Torino 3-1: Conte: “Sono all’Inter per riportarla dove merita”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Inter-Torino 3-1

L’Inter torna a vincere e lo fa con un ottima prestazione per qualità, carattere e lucidità mentale oltre che fisica. Partita di dominio assoluto dal fischio d’inizio per i nerazzurri che però si trovano subito la strada in salita dopo l’errore madornale di Handanovic che non trattiene un pallone e lo lascia a Belotti libero di insaccare. Il Torino si difende con ordine, cercando di andare in avanti sfruttando la fisicità del Gallo, ma dura un tempo. Nel secondo pronti e via l’Inter la ribalta prima con Young dopo un grande assist di Lautaro (migliore in campo) e poi con Godin dopo uno schema da calcio d’angolo. Torino che si scioglie definitivamente al 61′ quando Lautaro chiude il match con un destro che, grazie ad una deviazione, scavalca Sirigu e fa 3-1. Ottima prestazione da parte di Sanchez che ha portato quell’imprevedibilità in più che manca ai nerazzurri, oltre alla grande prova dei 3 centrali. Insomma, oggi poteva perdere più l’Inter che vincere il Torino. Granata con 34 punti a più 5 dal Lecce terz’ultimo. Inter che aggancia la Lazio al secondo posto a 68 punti, terza per differenza reti.

Parole Conte

Dov’era l’Inter nel primo tempo? “Penso che la partita l’abbiamo iniziata molto bene avendo il dominio in tutto e per tutto. E’ un periodo in cui capita un episodio e prendiamo gol. Difficilmente Samir commette questi errori e questo lo dimostra.”

La formazione titolare? “Le vittorie servono per dare certezze ai calciatori. Noi lavoriamo in maniera importante, ed è inevitabile che il risultato debba arrivare. Per me la strada è quella giusta, di giocare un calcio aggressivo cercando di avere il possesso palla per tutta la partita.”

Allenare l’Inter il prossimo anno? “Pensiamo a quest’anno, poi prenderemo decisioni io e la società. Sono stato chiamato all’Inter per un progetto triennale per riportare l’Inter dove merita. Ci vuole tempo. Altri anni ho sorpreso perchè portavo squadre alla vittoria. Sono all’Inter con tanto entusiasmo, con persone di fiducia. Non vedo perchè non si debba continuare. ”

Eriksen? “Christian sta lavorando. E’ arrivato con un piglio cattivo. Deve cercare di mantenere determinati livelli. Noi dobbiamo avere certi equilibri. Io devo fare delle scelte. Il giocatore sta crescendo. Lui ha capito che è arrivato in una squadra ambiziosa. In Italia le aspettative sono molto alte. Tutti si aspettano tanto, è giusto che lo sappia. In Inghilterra è molto più tranquilla la situazione, è molto più Enjoy. Io faccio delle scelte per il bene dell’Inter.”

Foto: Twitter Inter

COMMENTA L'ARTICOLO