Honda: “Nel mio Milan non c’erano né strategie né top player. Donnarumma può diventare uno dei migliori al mondo”

Fonte foto: Profilo Twitter FIFA
Sorry! You are blocked from seeing ads

SEGUICI SU

L’ex calciatore del Milan, Keisuke Honda, ora CT della nazionale cambogiana, e giocatore del campionato azero, ha parlato a La Gazzetta dello Sport della sua esperienza in rossonero:

“Il mio Milan era difficile, qualcuno non dava il 100%. In rossonero non c’erano strategie né top player. Mister Filippo Inzaghi si prese tante responsabilità. Alessio Romagnoli e Gigio Donnarumma? Romagnoli è un grande difensore, ma in quegli anni anche lui non si allenava al 100%. Dovrebbe credere di più in sé stesso e avere una filosofia diversa. Gigio può diventare uno dei portieri migliori al mondo, come Gianluigi Buffon. Glielo dicevo sempre, se ci riesce dovrà offrirmi una cena con del buon vino”.

FONTE: www.milannews.it

Leggi anche: Honda parla di Balotelli: “Non faceva nulla per migliorarsi. Gli dicevo di allenarsi duramente, aveva un talento enorme”

Leggi anche: Milan, l’attacco non cambia: Ibra rinnovo certo, Mandzukic anche (ma solo con la Champions)

Leggi anche: Sconcerti sull’Italia: “Non ci sono attaccanti veri, tiriamo pochissimo in porta. E Chiesa…”

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads