Gruppo E: gol e spettacolo, la Svizzera raggiunge gli ottavi

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Quattro gol, un pareggio, tante occasioni e il verdetto finale che sorride alla Svizzera che col 2-2 maturato contro la Costa Rica raggiunge gli ottavi da seconda del Gruppo E e si appresta ad affrontare una fin qui sorprendente Svezia.

Partita molto piacevole, con la Svizzera scesa in campo con l’ormai solito 4-2-3-1 che vede in Gavranovic il suo terminale offensivo ed in Shaqiri, Dzemaili ed Embolo i tre moschettieri a dare qualità sulla trequarti. La Costa Rica risponde con un 5-4-1 in realtà molto aperto e con un Colindres in stato di grazia.

Nella prima frazione la Svizzera fatica tremendamente a mantenere le ripartenze costaricane con Colindres, Borges e Campbell che martellano la retroguardia elvetica per buona parte dei primi 45′, con Sommer costretto ad un paio di miracoli e ad una traversa che nega un potenziale gol capolavoro dell’irresistibile Colindres. Alla mezz’ora però, la Svizzera sfrutta con cinismo l’unica grande occasione del proprio primo tempo e Dzemaili, servito da un’ottima sponda aerea di Embolo, “spacca” la porta da centro area. 

La ripresa conferisce maggiore stabilità alla squadra di Petkovic che intensifica il possesso palla e prova a porre un freno alle scorribande costaricane. Costa Rica che allora si affida ai calci da fermo e al minuto 56 trova il pari con l’incornata di Waston su angolo battuto da Campbell. Quando il match sembrerebbe essere destinato all’1-1, la partita si accende improvvisamente: la Svizzera sfonda a destra e sul pallone messo in mezzo da Zakaria, il nuovo entrato Drmic chiude perfettamente col destro siglando il 2-1 all’88’. La Costa Rica conferma però la sua ottima prestazione odierna e l’ormai certa eliminazione non scalfisce la motivazione degli uomini del Ct Ramirez che al 93′ guadagnano l’ennesimo calcio di rigore di questi campionati del Mondo. Sul pallone va la stella Bryan Ruiz che colpisce la traversa ma il pallone carambola fortunosamente sulla spalla di Sommer ed entra per il 2-2 finale.

Ammirevole la gara interpretata dalla Costa Rica per agonismo, tecnica e voglia di dimostrare il proprio valore contro una Svizzera che, da par suo, forse si aspettava una partita più agevole ma che ha saputo rimettersi in sesto soprattutto nei secondi 45′. Note stonate i cartellini gialli rimediati dai difensori Schar e Lichsteiner, costretti a saltare l’ottavo di finale contro la Svezia in programma il prossimo 7 Luglio.

COMMENTA L'ARTICOLO