Gravina sui sorteggi di Champions: “Sorteggi proibitivi, ma sono fiducioso”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Il presidente della FIGC Gabriele Gravina, ha rilasciato un’intervista dalle OGR di Torino:

Sul ritorno a giocare: “Abbiamo avuto grande responsabilità nel voler tornare in campo. Abbiamo vissuto momenti difficili, ma ricevere tante energie da chi è appassionato al mondo del calcio ti dà la voglia di tornare in campo. Abbiamo avuto momenti scanditi da chi ha avuto il coraggio in momenti difficili di comunicare, la stampa ha avuto la capacità di rappresentare con grande onestà intellettuale gli scenari che si stavano evolvendo. Abbiamo entusiasmo e speranza verso il futuro, ora siamo più forti e consapevoli che il nostro paese guardando lo sport ha la capacità di riemergere dai momenti di difficoltà”.

Sugli obiettivi della Nazionale: “Ha numeri importanti che hanno un filo conduttore. Che è quello che abbiamo chiesto a Mancini dal primo giorno. Non parlare di un obiettivo, vincere un Europeo o un Mondiale. Noi abbiamo chiesto a Mancini di raccontare una nuova storia, vincere è qualcosa di un giorno. Noi pensiamo a un percorso, l’idea di vedere tanti giovani. Ragazzi che gioiscono, Bonucci che rimane a vedere la Nazionale piuttosto che tornare subito a casa. Questa è la Nazionale, abbiamo creato un gruppo con un regista straordinario come Mancini. Tutti svolgono il loro compito. L’arrivo di Vialli è un contributo importante per migliorare. Non solo qualità tecnica, ma anche quella di relazione. Gianluca e la sua amicizia con Roberto testimoniano quello che l’Italia vuole e che fa bene al paese”.

Sull’Italia temuta dalle altre nazionali: “Abbiamo giocato ad Amsterdam contro l’Olanda, ed è strano vederli giocare all’italiana sia lì che a casa nostra. Fa bene alla Nazionale e fa bene ai nostri club”.

Sul futuro di Mancini: “Sono mesi che corteggio Mancini come fosse una bellissima ragazza. È l’artefice di questo progetto importante che deve continuare anche in futuro. Abbiamo un contratto in scadenza nel 2022, siamo consapevoli che la nostra non può essere economicamente una proposta vincente rispetto a un club. Io faccio affidamento all’amore per la nazionale di Mancini e per un progetto che abbiamo tracciato e che mi auguro si possa continuare insieme. A breve scioglierò anch’io le mie riserve sul mio mandato futuro. Mi auguro che il binomio possa proseguire verso il futuro”.

Le avversarie di Champions delle italiane: “Quando si parla di ottavi siamo già in una fase dove gli avversari hanno un valore importante. Nel calcio non c’è mai avversario imbattibile e facilmente battibile. Sulla carta sono quasi proibitivi per la Lazio e Atalanta, meno per la Juve. Ma io sono ottimista, anche quando gli avversari sono forti. Sono convinto che a febbraio troveremo tre società che affronteranno la competizione nel miglior modo possibile”.

Su un giovane che ruberebbe a un’altra nazionale: “A me piace molto Haaland. Non per imitare la scelta di esperti del settore, ma punto anch’io su di lui”.

Leggi anche: Moratti e l’Inter:”Eliminazione da Champions grande delusione”

Fonte dichiarazioni: Tuttomercatoweb.com

Foto: profilo Twitter Gabriele Gravina

COMMENTA L'ARTICOLO