Gotti: “Con l’Inter mi aspetto la stessa determinazione di mercoledì”

Fonte foto: profilo twitter udinese

SEGUICI SU

Ha parlato Luca Gotti alla vigilia del match contro l’Inter in programma domani alle ore 18:

Con poco più di due giorni a disposizione un altro test duro contro l’Inter, che prestazione si attende dalla squadra? “Mi aspetto, ovviamente, lo stesso atteggiamento di mercoledì, con compattezza, unità e voglia di lavorare insieme. La partita è simile ma non uguale perché l’Inter è una squadra molto forte ma con caratteristiche diverse, concede e chiude delle situazioni diverse rispetto all’Atalanta. Noi dobbiamo saper leggere in maniera diversa le condizioni specifiche che ci saranno in campo”.

Ci potrebbero essere dei cambi in formazione visti gli impegni ravvicinati? “Abbiamo 24 ore ancora dall’inizio della partita di domani e mi prenderò tutto il tempo a disposizione per valutare il recupero di chi ha giocato più minuti o gli acciacchi e sulla base di questo deciderò con serenità”.

Come sta Nuytinck? E’ pronto per giocare domani? Walace, invece, ha smaltito il problema alla schiena? “Nuytinck è molto vicino al rientro in campo. Walace oggi non si è allenato ma per entrambi ci sarà un test domani mattina che mi darà qualche risposta”.

Ultima giornata di andata, tempo di bilanci. L’Udinese poteva fare di più? “Poteva di sicuro far meglio sotto il profilo dei punti per quanto fatto concretamente fatto vedere in campo con le prestazioni. Sul dovere, a parole, magari, è molto facile fare calcio, la realtà è fare i conti con le condizioni reali di salute e fisiche dei calciatori in relazione al tipo e a un numero incredibile di infortuni che ci è capitato in questi mesi”.

Che idea ha della squadra di Conte e che tipo di gara servirà? “E’ inutile presentare l’Inter, tutti sanno che viene da una partita contro la Juve che può dare linfa ed energia. Anche l’Atalanta era venuta qui in ottimo stato di salute quindi non dobbiamo pensare a quello. Se vogliamo basarci su indicazioni concrete possiamo fare tesoro di quello che ci è capitato nell’ultima partita contro di loro lo scorso anno. Siamo stati bravi per 70 minuti poi, al primo episodio, l’Inter era andata avanti e ci siamo disuniti per poi spaventarci prendendo il secondo gol prima di ricominciare ad avere un ottimo atteggiamento ma, intanto, i buoi erano scappati. Allora la bravura e la crescita della mia squadra devono stare nel non accontentarsi delle buone prestazioni e del buon atteggiamento ma gestire meglio gli episodi perché è quello che ti fa fare bottino”.

Fonte: TMW

LEGGI ANCHE: PRANDELLI: “NON MI SENTO IN BILICO E NON MI SONO PENTITO DI QUESTA SCELTA”

COMMENTA L'ARTICOLO