Genoa, il paradosso dell’attacco: tante soluzioni, pochi gol

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Genoa, sconfitta preventivabile contro l’Inter ma quanta fatica in attacco!

Il Genoa è stato sconfitto ieri dall’Inter con un secco 3-0 casalingo. Una sconfitta preventivabile per gli uomini di Davide Nicola contro una squadra desiderosa di vincere come l’Inter e dopo le fatiche per i fondamentali scontri salvezza contro Samp e Lecce. Tuttavia, la partita di ieri ha messo ancora una volta una contraddizione paradossale che riguarda l’attacco rossoblù ancora una volta sterile in zona gol.

Il paradosso dell’attacco del Genoa: tanta abbondanza per poca concretezza

Il particolare paradosso che affligge il Vecchio Balordo in questa stagione è il seguente: tante alternative in attacco, ma pochi gol segnati dagli attaccanti. La rosa del Genoa in questa stagione vanta infatti ben sei giocatori nel reparto offensivo: Pandev, Pinamonti, Iago Falque, Sanabria, Destro Favilli. Sei attaccanti per una squadra i cui allenatori alternatisi nel corso del campionato hanno giocato quasi sempre con due punte. Eppure a tanta abbondanza di attaccanti non è corrisposta una percentuale realizzativa adeguata in zona gol. Il grifo ha fatto costantemente fatica a mandare a segno i suoi arcieri. Nella partita di ieri contro l’Inter, per esempio, le occasioni più nitide sono arrivate da un centrocampista e un difensore: punizione di Jagiełło di poco a lato e colpo di testa di Zapata. 

Una costante in tutta la stagione

Non è neanche la prima volta che questo curioso fenomeno si manifesta. Basti pensare al derby vinto mercoledì contro la SampdoriaI gol genoani, in quell’occasione, sono stati messi a segno dal rientrante capitan Criscito e dal centrocampista Lerager. La coppia titolare preferita da Nicola è Pandev-Pinamonti. L’intramontabile macedone sembra una pedina insostituibile per lo scacchiere genoano. Pinamonti è stato invece il più utilizzato ma deve ancora crescere. Sanabria è alle prese con qualche problema fisico di troppo, così come Iago Falque. Destro deve ancora inserirsi, mentre Favilli deve ancora sbocciare. Il Genoa crea spesso tante situazioni di gioco interessanti, ma la montagna spesso partorisce il topolino lì davanti. Un problema da cercare di correggere in queste ultime due partite.

FOTO: Genoa CFC Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO