Fiorentina, Vlahovic: “Sono arrivato dopo la morte di Astori ed ho trovato una squadra unita. Ora voglio dare tutto”

Foto: Profilo Twitter Fiorentina

Dusan Vlahovic ha rilasciato alcune dichiarazioni durante il Social Viola Night dal ritiro di Moena.

Ecco le sue parole sul nuovo allenatore Italiano e il suo percorso nella viola:

ITALIANO«Con Italiano ho un buon rapporto: parlo tanto con lui, vuole un nuovo sistema di calcio e nuovi movimenti da me, io cerco sempre di mettermi a sua disposizione, spero di far bene anche quest’anno».

FIORENTINA «Ho firmato per i viola quando avevo 17 anni, sono arrivato un anno dopo perché prima non potevo perché ero minorenne; qui ho incontrato Pioli, sono arrivato poco dopo la morte di Davide ed ho trovato una situazione non bella ma in quei momenti ho trovato una squadra unita. Adesso voglio dare tutto per arrivare al successo, non so se ce la farò ma devo allenarmi tutti i giorni. Come dice Bonucci c’è da mangiarne ancora di pasta asciutta».

IL GOL PIU’ BELLO«Non potrei sceglierne uno perché tutti sono stati importanti, però se dovessi sceglierne uno per importanza direi il cucchiaio alla Juve».

Leggi anche: Fiorentina, Saponara: “Italiano sa come farmi rendere al meglio, ho la sua stima. Vlahovic? Mi impressionò da subito”