Fiorentina, le parole di Prandelli alla vigilia della sfida contro L’Hellas Verona

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

L’allenatore della Fiorentina, Cesare Prandelli, ha parlato ai microfoni in vista della sfida contro il Verona.

Queste le sue parole:

Si sono visti dei passi in avanti col Sassuolo? “Dobbiamo dare continuità alla prova di mercoledì: col Sassuolo abbiamo fatto una buona partita contro una formazione temibile, lo spirito e l’atteggiamento mi è piaciuto. C’era un bel clima”.

Nell’1-1 contro il Sassuolo si è vista la consapevolezza di dover lottare per la salvezza, almeno per il momento? “L’atteggiamento dell’altra sera era quello di una squadra che non voleva perdere. Dobbiamo assolutamente continuare così”.

Perché la scelta del cambio di modulo? “Rivedendo gli allenamenti e la partita che abbiamo fatto con 4 difensori c’erano un po’ di incertezze, volevo togliere tutti gli alibi alla squadra e volevo responsabilizzarla. Sono sempre convinto che quando si parla di fase difensiva questa va fatta al meglio. Io non mi vergogno a difendere un risultato o una gara difficile. Spesso cercando il bel gioco tante squadre si sono trovate coinvolte nella lotta per la salvezza. A noi serve concentrazione. L’energia vista l’altra sera la voglio rivedere domani”.

Come ha visto la prestazione di Vlahovic? “E’ un ragazzo di 20 anni e se si assume la responsabilità di battere un rigore vuol dire che ha gli attributi: sono cintento di lui perché vuole migliorare e sa che può farlo. Sono felice di lui, deve continuare così ed aver fiducia delle proprie responsabilità”.

Come sta Callejon? “E’ un professionista molto serio, è importante per noi come calciatore e come uomo. Sta recuperando bene la condizione. Il problema non è mai il ruolo, anche se non lo vedo mai come quinto a centrocampo. Se gioca, il centrocampo deve disporsi in maniera diversa”.

Può spiegare la scelta della titolarità di Vlahovic? “Quando sono arrivato qua ho trovato tutte ottime punte. Dal punto di vista del lavoro, non posso rimproverare nulla a Cutrone e Kouame, ma io penso che Vlahovic abbia le giuste caratteristiche per come interpreto il ruolo di attaccante in questo momento. Cutrone in area di rigore è molto bravo ma al momento ho scelto Vlahovic: lo vedo sereno, mi auguro che si sia sbloccato”.

Che momento sta avendo Ribery? “Dobbiamo farlo diventare ancora più leader in modo tale che possa darci maggiore superiorità numerica. Non deve risolvere da solo i problemi ma deve essere un nostro punto di riferimento”.

Un giudizio sul Verona e Juric. “E’ una formazione che preoccupa molte squadre e anche noi siamo molto preoccupati: tutti i giocatori hanno sposato la filosofia del suo allenatore. Magari rischia qualcosa la squadra ma la mentalità sfacciata che ha mi piace molto. Il lavoro in settimana è sicuramente tanto e Juric è stato bravo ad entrare nella mente dei suoi giocatori. Il futuro del calcio va indirizzato in questa mentalità”.

Come sta Amrabat? Pulgar può giocare mezzala? “Non vorrei mai togliere ad Amrabat le caratteristiche che ha, visto che recupera tanti palloni. Ogni giocatore deve migliorarsi ma per ora me lo tengo così com’è. Pulgar lo vedo bene da centrocampista, un po’ meno da mezz’ala”.

Tema mercato e richieste. “Le lettere di babbo Natale sono sigillate: le apriremo insieme e si vedrà. Non abbiamo ancora deciso quando ci siederemo e parleremo di mercato. Ora parliamo di squadra, ho rimandato tutto ciò che riguarda il mercato”.

Spazio ad un giudizio sul momento di alcuni singoli. “Milenkovic? Noi abbiamo la possibilità di giocare con due centrali ma per ora abbiamo deciso di giocare a tre. I sistemi di gioco però non hanno un grande significato. Ci sono giocatori che sono universali e lui è uno di questi. L’attaccamento alla maglia di Venuti? Vi basti solo sapere che gli ho dato il soprannome di Jorgensen, questo vi dice tutto”.

Leggi anche: Fiorentina, la lettera di Commisso ai tifosi: “Grazie per l’affetto e la vicinanza. Per fortuna ci siete voi che amate la Viola”

Fonte dichiarazioni: Tuttomercatoweb.com

Foto: profilo Twitter ACF Fiorentina

COMMENTA L'ARTICOLO