Cagni su Pirlo: “E’ stato ingenuo e presuntuoso. Doveva avere il coraggio di dire di no”

Fonte foto: Profilo Twitter Juventus
Sorry! You are blocked from seeing ads

SEGUICI SU

L’allenatore Gigi Cagni ha parlato a TMW Radio dei temi del giorno: da Andrea Pirlo fino alla lotta per il quarto posto.

Contano i giocatori come dice Allegri?

“Si parla troppo di schemi di gioco. Allegri ha detto una cosa sacrosanta. E se lo dice uno che ha vinto così tanto. Il tecnico quanto incide? Difficile fare le percentuali. Abbiamo fatto diventare il tecnico quello che vince le partite, lo schema, e non i giocatori”.

Pirlo, situazione delicata:

“Finirà la stagione. L’unico errore è quello di dire sì alla Juventus, pensando che fosse un mestiere più semplice. E’ stato ingenuo, forse presuntuoso. Gli errori ci stanno, sono normali. Doveva avere il coraggio di dire di no, non è un mestiere semplice”.

Quanto conta Pioli oggi al Milan?

“Negli anni Settanta contavano molto i giocatori e poco gli allenatori, oggi sono cambiate le cose e contano di più. Allegri ha detto che bisogna avere pazienza di costruire. Ma qui c’è sempre poca pazienza”. 

Nella lotta al quarto posto rientra il Napoli?

“Stiamo arrivando alla fine e viene fuori al realtà. O sei bravo o non lo sei. Queste sono le partite verità. Vedremo, sono tutti esami da qui alla fine. Pirlo ora ha un esame enorme, nelle prossime tre partite vedremo se riesce a migliorarsi nel gestire periodi così delicati. Sarà un periodo chiave per tutte. Benevento e Spezia non sono salve, così come la Juventus non è così sicura di andare in Champions”.

Fonte: TuttoMercatoWeb

Leggi anche: Marani sulla Juve: “Sono dispiaciuto per Pirlo, doveva fare un altro percorso. Lo scudetto segue Marotta”

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads