Borghi: “Juve brava, a differenza dell’Inter, a capitalizzare al meglio gli errori degli avversari”

Stefano Borghi, telecronista sportivo di Dazn, ha commentato il match che ieri sera ha visto la Juve uscire vittoriosa dal confronto con l’Inter. Una partita segnata dagli errori commessi dalle due squadre e dalla discussa decisione dell’arbitro Calvarese in merito al rigore assegnato in favore della Juve. Questa la disamina di Borghi:

La Juve resta la squadra più completa, ancora oggi la più forte, almeno sulla carta. Ieri la differenza, al di là delle importanti assenze di Hakimi e Lukaku, l’ha fatta la capacità di sfruttare gli errori altrui. La Juve è stata brava in questo, l’Inter no. Purtroppo quando manca Lukaku vediamo in campo un Sanchez che manca di cattiveria: quando ha calciato a botta sicura con il successivo salvataggio di Demiral, si è vista una mancanza di “fame” che in certe situazioni è essenziale. Do quindi ragione ad Antonio Conte: la differenza l’hanno fatta gli errori e la capacità di convertire questi svarioni in gol. Per il resto l’Inter ha fatto la partita, con una Juve che – soprattutto nel secondo tempo – ha pensato maggiormente a difendersi per poi provare a ripartire“. Sul rigore: “Young ha commesso un errore difficile da accettare, una trattenuta di livello amatoriale“.

ULTIME NOTIZIE

Sorry! You are blocked from seeing ads