Beppe Galli (Assoagenti): “Il problema della scadenza dei contratti esiste”

Beppe Galli, presidente Assoagenti
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Beppe Galli, presidente di Assoagenti, ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni sulla spinosa questione che riguarda i contratti dei calciatori in scadenza. Con la stagione che si chiuderà verso inizio agosto, tutti coloro i quali hanno il contratto che termina, come di norma, al 30 giugno, avrebbero la possibilità di andare via e non concludere l’annata.

Leggi anche: Tommasi sulla ripresa della Serie A

“I giocatori possono rifiutarsi di giocare”

<<In questo momento qualsiasi giocatore in scadenza al 30 giugno può salutare la compagnia>>. Esordisce così Beppe Galli, presidente di Assoagenti intervenuto qualche ora fa per riportare in primo piano una questione di primaria importanza: <<La Federazione dovrebbe intervenire il prima possibile sul prolungamento dei contratti. Finora abbiamo sentito soltanto parole su parole. Giocatori come Callejon potrebbero rifiutarsi di giocare dopo il 30 giugno>>.

Jose Callejon (Napoli), in scadenza di contratto al 30 giugno 2020

Diversa ma non meno complicata la situazione di tutti quei calciatori già ufficialmente acquistati da un altro club, come Kulusevski e Petagna: <<I nuovi acquisti potrebbero tranquillamente unirsi alla loro nuova squadra, ma non potrebbero scendere in campo prima dell’inizio della prossima stagione>>. E continua: <<Noi agenti ci siamo fatti sentire a più riprese e da tempo speriamo in un incontro con la Federazione. Come detto prima però, finora solo chiacchiere. Gli agenti non sono mai stati chiamati in causa nonostante i calciatori siano tutelati da noi e da nessun altro. Questo è un problema che non può e non deve essere sottovalutato>>.

Per leggere l’articolo del Messaggero–>CLICCA QUI

Fonte foto: Okcalciomercato/MondoNapoli

COMMENTA L'ARTICOLO