Agroppi su Conte:”Un sopravvalutato!”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Aldo Agroppi, 76 anni in direzione ostinata e contraria: che bordate a Conte!

A 76 anni compiuti ieri, Aldo Agroppi, ex calciatore del Torino Campione d’Italia nel 1976 ed ex allenatore, non ha perso la sua proverbiale vis polemica. l’ex bandiera torinista di Piombino è intervenuto proprio ieri in un’intervista a TMW Radio e tra le tante cose, ha espresso il suo giudizio su uno degli allenatori più importanti della nostra Serie A, ovvero Antonio Conte.

Agroppi:”Conte un esibizionista insopportabile quando perde”

E non sono mancate le bordate rivolte all’attuale tecnico dell’Inter:«Non nutro simpatia nei suoi confronti, non per il suo passato ma perché è un esibizionista. Troppe urla e sceneggiate. L’allenatore non deve essere amico dei calciatori, ma deve essere temuto e stimato, altrimenti diventa complice. Ci sono allenatori silenziosi e sconosciuti che hanno vinto. A cosa serve sbraitare e fare sceneggiate? Conte ha sempre allenato grandi squadre, ma ha sempre riportato grandi sconfitte. Quando sento dire che ha portato una grande mentalità alla Nazionale, mi viene da sorridere. Interpreta una parte, ma quando non vince diventa insopportabile per la squadra e la società. Tra l’altro quella Nazionale non arrivò neanche tra le prime quattro.»

L’ex allenatore di Piombino rincara la dose

Prosegue poi Agroppi, rincarando la dose:«Conte è un sopravvalutato. Quest’anno è andato già fuori dalla Champions League al primo turno ed è lontano in campionato. Esonerato all’Atalanta e all’ Arezzo. Ha vinto lo scudetto con la Juve, come tanti altri allenatori, ma in Europa non ha mai sfondato. È uno che comanda, urla e sbraita ma l’allenatore di oggi deve essere anche un grande psicologo.» Parole che faranno discutere, da parte di un personaggio abituato ad andare sempre controcorrente. Chissà cosa penserà l’altrettanto schietto Antonio Conte di fronte a queste bordate. Di sicuro sarebbero scintille. C’è da scommetterci.

FOTO: Forza Toro FC Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO