Serie A: 3-0 per l' Inter -
REGISTRATI LOGIN -
HOME>SERIE A>Serie A: 3-0 per l’ Inter

Serie A: 3-0 per l’ Inter

24 Novembre 2018 - 22:56 di Ivan Ghisleni - Articolo letto: 18 volte

L’ Inter si riprende dopo la debacle di Bergamo. Le reti portano il nome di Keita con una doppietta e di Lautaro Martinez. L’ Inter domina in lungo e in largo la partita senza mai rischiare, eccezion fatta per un colpo di testa di Ciofani ma Handanovic si fa cogliere pronto sul suo palo. Molto turn- over in vista dell’ impegno fondamentale di Champions contro il Tottenham, dove ogni punto ormai è fondamentale per centrare la qualificazione agli ottavi.

Di seguito riportiamo le parole di Spalletti e di Keita:

L’Inter ha dimostrato la maturità necessaria.

Sì, abbiamo avuto una reazione importante. Dovevamo portarci dietro quello che era successo a Bergamo, oggi ho visto una squadra frizzante che ha giocato un buon calcio. Abbiamo avuto pazienza, abbiamo fatto possesso che costringe gli avversari a venire avanti”.

Chiedeva calma per la gestione del risultato o del calendario?

Chiedo di non mettere in discussione tutti i palloni. Quando vai a forzare la giocata rischi di perdere troppe volte il pallone, poi gli avversari ti costringono a fare tanti metri e non riesci a posizionarti. Questo diventa importantissimo contro squadre come il Frosinone”.

Quale giocatore sogna per il futuro? O meglio, cosa sogna per l’Inter del futuro?

In settimana ho detto che l’Inter dovrà essere una delle più belle del reame, anche perché c’è uno specchio grandissimo in cui c’entrano tante persone. Dobbiamo crescere ancora, vogliamo diventare una delle più grandi in Europa. Sogno di andare a giocare e vincere contro club blasonati in Europa, senza quei black out che a volte ci capitano. Poi si può anche perdere, ma non si può passare da 9 a 4. Si può perdere anche per i piccoli dettagli. Questa squadra sceglie male, quando c’è da forzare appoggia al portiere o viceversa. Su queste cose bisogna maturare ancora”.

Hai dato la continuità a questa squadra.

Siamo cresciuti, lo diciamo sempre. È un momento importante perché riusciamo a mantenerci su livelli alti. Poi bisogna togliere quelle cadute come nel primo tempo a Bergamo. Non si può passare da un buio più totale ad una luce bellissima. Bisogna mantenere quel passo che ti consente di rimanere sempre l’Inter“.

Ora ci sarà un mini tour de force lontano da Milano. Per questo i tifosi vi hanno dato quella spinta?

Quando c’è di mezzo l’Inter loro sono presenti, è quello che gli interessa. Loro vogliono stare accanto ai calciatori e vincere. Noi dobbiamo fare altrettanto per vestire questa maglia e onorarla. Loro ci insegnano come fare per rimanere lì. Dobbiamo essere sempre presenti”.

KEITA

“Molto importante avere la fiducia dei compagni e del tecnico – dice -. Ho potuto lavorare bene senza andare in nazionale e penso si sia visto. La squadra è stata molto compatta, tutto bello. Siamo una grande squadra, anche chi non gioca dà il suo supporto. I miei gol? Penso siano stati tra i più emozionanti di sempre. Segnare a San Siro è un piacere”.

“Penso che possiamo arrivare molto lontano – spiega l’ex Monaco -. Vedo come ci alleniamo, l’importante sarà lavorare tutti insieme. Il Tottenham? Non sarà semplice, loro sono una bella squadra, ma andiamo a Wembley a testa alta. Non dobbiamo avere paura di nessuno”.

ULTIME DI MONDOCALCIONEWS

Serie B, 34° giornata: Lecce corsaro a Perugia, mezzo passo falso del Palermo

Serie B in campo nel giorno di Pasquetta per la 34° giornata. Dopo il sostanzioso prologo con il big match delle 15 Verona-Benevento (terminato 3-0 per i sanniti) e la vittoria del Brescia 3-0 sulla Salernitana nell'anticipo delle 18, erano ben sette le partite in programma in serata. Turno di riposo per il Crotone. Serie B 34°

Liguori contro la Juventus: “E’ inutile che festeggiate lo scudetto, il campionato è condizionato ed in Europa fate ridere”

Paolo Liguori, direttore di TGCOM24, ha detto la sua riguardo allo scudetto vinto dalla Juventus, l'ottavo consecutivo: "Nel calcio di oggi non devi essere forte solo in Italia ma anche in ambito Europeo. E' inutile che la Juventus festeggi l'ottavo scudetto di fila, il campionato è stato sempre condizionato. I bianconeri

Juventus, Pirlo: “Ci vuole un giocatore che sostituisca Mandzukic”

Mario Mandzukic, attaccante della Juventus, ha disputato una prima parte di stagione molto positiva, mettendo a segno 8 reti e facendo intravedere una buona intesa con Cristiano Ronaldo nel reparto offensivo. Da Gennaio in poi invece il suo rendimento è sceso drasticamente. Per questo motivo Andrea Pirlo, opinionista di Sky

Il Brescia bussa alla Serie A: tris alla Salernitana e +7 dalla terza piazza

Il Brescia non si ferma più. La squadra di Eugenio Corini surclassa per 3 a 0 in casa la Salernitana nel match valevole per la 34^ giornata di Serie B. Apre le danze al 3' Tremolada, raddoppio di Torregrossa al 37' e tris finale firmato su rigore da Donnarumma. Tre

Napoli-Atalanta, Ancelotti: “Abbiamo tenuto bene per un’ora; sono dispiaciuto perchè…”

Carlo Ancelotti, tecnico del Napoli, ha analizzato il match perso questa sera contro l'Atalanta ai microfoni di Sky Sport: "Abbiamo tenuto bene per un'ora, poi la fatica si è fatta sentire ed abbiamo perso lucidità e brillantezza. Con l'Atalanta non è mai facile produrre gioco. Nella seconda parte di stagione abbiamo

Napoli-Atalanta, Gasperini: “Vittoria fantastica; la mia espulsione? Forse sono destinato…”

Il tecnico dell'Atalanta, Gian Piero Gasperini, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare la vittoria al San Paolo contro il Napoli: "E' una vittoria fantastica, la squadra non ha mai mollato e anche sotto di un gol ci ha creduto. Ora siamo diplomati...laureati (ride) per l'Europa che conta. Tre

Per la Champions c’è anche l’Atalanta: che vittoria al San Paolo !!

Nel match del San Paolo che concludeva la 33^ giornata di Serie A, l'Atalanta di Gasperini supera per 2 a 1 il Napoli. Partenopei in vantaggio con Mertens nel primo tempo. I bergamaschi escono alla distanza: dapprima è Zapata a siglare la rete del pareggio al 69' e dieci minuti

Cosa ci lascia la 33^ Giornata di Serie A

La Juventus ha fatto sembrare facile qualcosa di unico Dopo la gara interna contro la Fiorentina, la matematica ha ufficilamente consegnato l'ottavo scudetto di fila alla Juventus. Un traguardo difficile e complicato al solo pensiero, reso ancora più speciale dal fatto che nei principali campionati europei nessuno ha prolungato tanto

Napoli-Atalanta: le formazioni ufficiali

Alle ore 19,00 scenderanno in campo al San Paolo Napoli ed Atalanta, match che chiude di fatto la 33^ giornata di campionato. Di seguito le scelte di Ancelotti e Gasperini: Napoli (4-4-2): Ospina; Malcuit, Chiriches, Koulibaly, Hysaj; Callejon, Allan, Fabian, Zielisnki; Mertens, Milik. All. Ancelotti. Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Mancini, Djimsiti, Masiello; Hateboer, De

Coda show: il Benevento sbanca Verona nell’anticipo di Serie B

Il Benevento sbanca il Bentegodi di Verona nell'anticipo della 34^ giornata di Serie B. Sugli scudi l'attaccante Massimo Coda, autore della tripletta decisiva (45', 47', 95'). Vittoria che permette alla squadra campana di consolidare la quarta piazza salendo a 53 punti. Male invece Grosso ed il Verona, che ora deve

ARTICOLI CORRELATI