Scandalo in Italia, tre squadre escluse dal campionato: annunciati i ricorsi

Il calcio italiano continua ogni anno ad avere problemi con le iscrizioni ai campionati. In Serie B ci sono questioni gravi da risolvere e che tengono banco in questi giorni. Nella giornata di ieri sono state respinte le iscrizioni di tre società: Lecco e Reggina in cadetteria e Siena in Serie C.

Foto: logo Reggina

A confermare la situazione sono gli stessi club coinvolti che hanno pubblicato delle note ufficiali sui propri siti. Di seguito quella del Lecco:

LEGGI ANCHE: Ennesimo scandalo in Italia: iscrizione respinta, prossimo campionato a 19 squadre

“Calcio Lecco 1912 comunica di aver ricevuto, nella tarda serata di venerdì 30 giugno, il respingimento dell’iscrizione al campionato di Serie B da parte della Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi della FIGC. La Società precisa che presenterà ricorso nelle opportune sedi per far valere le proprie ragioni”.

Da oggi puoi essere sempre aggiornato sulle nostre news seguendoci su Google News, mettendo il tuo like alla pagina Facebook di Mondocalcionews.it e iscrivendoti al nostro canale Telegram.

Il Lecco ha problemi sulla documentazione per lo stadio “Euganeo” di Padova in cui il club voleva giocare il prossimo anno in Serie B. Le carte, però, sono arrivate in ritardo di qualche ora: la commissione per le infrastrutture ha segnalato proprio il ritardo tramite una Pec.

LEGGI ANCHE: Patteggiamento accettato, sparisce la penalizzazione: ecco come cambia la classifica

Le ultime indiscrezioni danno, però, buone chance al Lecco di vincere il ricorso da presentare entro il 5 Luglio.

Foto: logo Lecco

REGGINA, LA SITUAZIONE E’ MOLTO COMPLICATA: ECCO LA NOTA DEL CLUB

Decisamente diversa è la situazione della Reggina che ieri sera ha pubblicato questo comunicato:

Foto: logo Reggina

“Riceviamo ora la comunicazione della Covisoc in merito al respingimento dell’iscrizione della Reggina al campionato di Serie B e la riteniamo non coerente con quanto è stato chiaramente disposto dal tribunale di Reggio Calabria. Presenteremo il nostro ricorso nelle opportune sedi certi che, anche questa volta, potremo dimostrare la correttezza del nostro operato”.

Per leggere cosa è accaduto alla Reggina CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE