Quando il ciclone Montella si abbattè sulla Lazio
REGISTRATI LOGIN -
HOME>FOOTBALL STORY>Quando il ciclone Montella si abbattè sulla Lazio

Quando il ciclone Montella si abbattè sulla Lazio

01 Marzo 2019 - 17:31 di Vittorio Cornacchia

E’ il 10 Marzo del 2002 ed in programma c’è un posticipo serale di grande richiamo e importanza: il Derby di Roma. Sarà una partita storica, soprattutto per i colori giallorossi e per il bomber Vincenzo Montella, che entrerà in maniera indelebile negli almanacchi di questa sfida!

 

LE SCELTE DEGLI ALLENATORI

La Roma è Campione D’Italia in carica, la Lazio lo è stata due stagioni prima. Facile pensare che in campo ci sia una parata di stelle. I biancocelesti sono però in difficoltà e la loro stagione è stata molto sottotono, complice anche un cambio di allenatore non particolarmente efficace, con l’avvento di Zaccheroni in panchina e la squadra che cerca un’improbabile rimonta per agganciare la zona Champions. La Roma di Fabio Capello, invece, è in piena lotta per il titolo e vede la sfida con la Lazio come l’occasione giusta per sfruttare il pareggio di giornata tra Inter e Juventus (uno spettacolare 2-2) e tornare in vetta alla classifica. E’ una squadra molto forte quella capitolina ma che in stagione ha spesso pareggiato gare alla portata e questo, alla fine dei conti, risulterà fatale nella corsa allo Scudetto. Rispetto all’anno precedente il team di Capello segna molto meno ma appare più solida: il mister friulano, da inizio anno, ha spesso rinunciato all’impiego della terza punta a favore di un centrocampista in più rispetto a quanto fatto nel campionato precedente, poi vinto. I problemi fisici di Montella, il declino improvviso di Batistuta, gli acciacchi di Marco Delvecchio, la poca fiducia nel veterano Balbo e l’inesperienza del giovane Cassano hanno spesso convinto il tecnico ad affidarsi quasi unicamente alla verve di Francesco Totti, in stato di grazia ma non ancora il goleador, in termini numerici, che impareremo ad apprezzare successivamente.

Vincenzino Montella è stato l’autentico mattatore della sfida

Per questa sfida Capello decide, però, di rispolverare il tridente ma la grande novità è l’esclusione dall’11 iniziale di Gabriel Batistuta, dato in formazione da tutti i quotidiani e le radio locali. L’argentino non la prende bene e addirittura rifiuta la panchina, pertanto davanti come centravanti c’è Vincenzino Montella. L’aeroplanino sta rientrando in forma dopo diversi infortuni che ne hanno frenato la prima parte di stagione ed è uno degli uomini più in forma: questo spiega la scelta dell’allenatore. Alle sue spalle gioca Francesco Totti mentre Delvecchio si occupa della corsia mancina con Cafù a destra. Seppure per molti in quegli anni la Roma è da catalogare secondo un 3-4-1-2, i giallorossi sono tra i primi a schierarsi con il 4-2-3-1 visto che Cafù è a tutti gli effetti l’ala destra della squadra e Vincent Candela opera da terzino fludificante, con Zebina che si allarga a destra. Dall’altra parte Zaccheroni sta tentando di imporre la sua idea di calcio alla Lazio e insiste su una difesa a 3 che finora ha dato poche soddisfazioni, con Nesta come perno principale della retroguardia e con il bomber Hernan Crespo affiancato dall’attuale tecnico bianco celeste Simone Inzaghi, preferito a Claudio Lopez nell’11 iniziale.

 

TABELLINO

LAZIO (3-5-2): Peruzzi; Fernando Couto, Nesta (46’Gottardi), Mihajlovic; D.Baggio (46’Poborsky), Fiore, Giannichedda, Stankovic, Pancaro; Crespo, S.Inzaghi (75’Liverani). A disposizione: Marchegiani, Comazzi, Mendieta, C.Lopez. All: Zaccheroni

ROMA (4-2-3-1): Antonioli; Zebina, Samuel, Panucci, Candela; Emerson (84’Assuncao), Lima; Cafù, Totti, Delvecchio (60’Tommasi); Montella (75’Cassano). A disposizione: Pelizzoli, Aldair, Cufrè, Guigou. All: Capello

Marcatori: 13′, 30′, 37′ Montella; 53’Stankovic, 64’Montella, 72’Totti.

 

LA GARA

Pronti e via e si capisce presto che la Roma ha la partita in pugno e prende possesso della metà campo avversaria. La Lazio fatica oltremodo a trovare i giusti equilibri e soprattutto sulla destra non riesce mai a porre freno alle scorribande giallorossa. La speranza laziale di bloccare il cammino giallorosso verso il secondo scudetto non dura che 13′. Tanto basta alla Roma per sbloccare la contesa: grande scambio sulla sinistra tra Totti e Candela, cross di esterno destro del francese e anticipo imperioso di testa di di Vincenzo Montella, che sigla lo 0-1. La Lazio è frastornata e quasi incapace di reagire e al 30′ la partita prende una direzione ben definita: Totti parte in slalom neanche fosse Alberto Tomba, giunge al limite e incrocia con Peruzzi che respinge in modo non impeccabile. Il primo a giungere sulla palla vacante è Alessandro Nesta, il capitano laziale e probabilmente miglior difensore al mondo ma anche uno che soffriva in  maniera incredibile il Derby. Il centrale della Nazionale si incarta e pensa di proteggere il pallone e favorire l’uscita del suo portiere ma esita troppo e Montella si infila tra i due e col sinistro tocca quanto basta per far carambolare la sfera in rete: è 0-2 e delirio giallorosso. Passano solo 7 minuti e il Derby si chiude definitivamente ancora una volta con Vincenzo Montella, che nuovamente di testa anticipa un Nesta in totale confusione e fa tris, risultato col quale si va all’intervallo.

Montella anticipa nuovamente Nesta e sigla il terzo gol

Nella ripresa la Lazio si sistema secondo un più logico 4-4-2 con Nesta e Dino Baggio, forse i peggiori in campo, che restano nello spogliatoio in luogo di Gottardi e Poborsky. La mossa sembra dare ragione a Zac e infatti la Lazio, improvvisamente, torna in partita con un siluro di Dejan Stankovic dalla distanza, che coglie di sorpresa Antonioli e vale il momentaneo 1-3. Il gol è solo un fuoco di paglia perchè non fa che risvegliare la tigre, che in questo caso risponde al nome di Vincenzo Montella. L’aeroplanino è in serata di grazia totale e dai 30 metri si inventa un grande sinistro che termina la propria corsa sotto all’incrocio dei pali della porta difesa da Peruzzi: è 1-4 e il marcatore della Roma è ancora una volta lui, Montella. Un poker storico che lo rende parte indelebile di questa sfida. Nello stadio cala un clima di totale incredulità: i tifosi giallorossi sono in delirio, i laziali vivono un autentico incubo. Che diventa un inferno quando, al 72′, Francesco Totti decide che è il momento di mettere il definitivo punto esclamativo sul match. Il capitano della Roma avanza fino a trequarti di campo dopo essere andando via di forza all’avversario, sulla destra Cafù si sbraccia per richiamarne l’attenzione e ricevere palla in solitudine ma Totti ha una sola idea in quel momento per cui ignora i segnali del compagno e lascia partire un colpo a lui carissimo: quel cucchiaio che diventerà una delle sue giocate più identificative. Il pallone è perfetto, liftato, quasi baciato dalla dea del calcio e finisce dolcemente alle spalle di un attonito e incredulo Peruzzi. Esulta perfino il solitamente impassibile e burbero Capello e Totti, rivolgendosi verso la sua tifoseria mostra una maglia con scritto “6 Unica!”. Solo successivamente si scoprirà essere dedicata anche alla sua nuova compagnia, Ilary Blasi.

C’è gloria anche per Francesco Totti e il suo cucchiaio. Il capitano esibisce la sua personale maglietta

L’esito della stagione per le due squadre

Al triplice fischio del signor Rosetti si chiude uno dei derby più incredibili della storia con Vincenzo Montella autore di una partita sensazionale. A rincuorare parzialmente il popolo laziale ci penserà l’esito del campionato, visto che i giallorossi, frenati da alcuni incredibili pareggi (tra cui quello decisivo di Venezia, con i lagunari già retrocessi) perderanno lo scudetto per un solo punto a favore della Juventus. La squadra di Zaccheroni, invece, saprà ricompattarsi dopo quell’incredibile batosta e chiuderà dignitosamente il proprio campionato, arrivando a soli 2 punti dalla zona Champions ma, soprattutto, fermando la corsa dell’Inter nell’ultima giornata con quell’incredibile 5 Maggio ricordato per le lacrime di Ronaldo.

ULTIME DI MONDOCALCIONEWS

Milinkovic-Savic, centrocampista della Lazio

Juventus, c’è l’intesa con Milinkovic-Savic. Ora…

La Juventus ha trovato l’accordo con il centrocampista della Lazio Milinkovic-Savic. I bianconeri hanno cercato di accelerare la trattativa data la folta concorrenza. Ora c’è da trovare l’intesa con la società biancoceleste per il prezzo del cartellino ed eventuali contropartite tecniche. LEGGI ANCHE >>> Pedullà rivela: “Contatti tra Maurizio Sarri e
De Ligt, difensore classe 1999 dell'Ajax

De Ligt lancia un messaggio al Barcellona: “Voglio giocare con De Jong”

Il futuro del capitano dell'Ajax  Matthijs De Ligt sembra essere segnato. Nella serata di premiazione degli MVP Eredivisie, il classe 1999 ha lanciato un segnale al Barcellona: "Sarebbe bello giocare con la stessa squadra di De Jong". I blaugrana hanno prelevato già De Jong dall'Ajax e non sarebbero poi così scontenti
Maurizio Sarri, allenatore del Chelsea

Juventus, il Sun apre la prima pagina così: “Sarrivederci”. Bianconeri in pole

Questa mattina il quotidiano inglese Sun ha titolato così la prima pagina: "Sarrivederci". Un gioco di parole chiaro: Maurizio Sarri è destinato a lasciare il Chelsea dopo la finale di Europa League contro l'Arsenal. In pole, sempre secondo il Sun, c'è la Juventus. Il tecnico toscano è la preferenza numero
Manchester City, l'allenatore Pep Guardiola

Manchester City, Guardiola senza colazione: chef ubriaco per i festeggiamenti

Ha dell'incredibile la vicenda in casa Manchester City. Dopo la vittoria della Premier League, tutta la squadra, compreso lo staff, hanno partecipato alla solita parata per la città su di un pullman. Il giorno dopo Pep Guardiola non è riuscito a mangiare la propria colazione perché lo chef della squadra
Arsenal, il centrocampista armeno Henrikh Mkhitaryan

Arsenal, Mkhitaryan non parteciperà alla finale di Europa League per problemi politici

L'Arsenal ha comunicato che il centrocampista Henrikh Mkhitaryan non parteciperà alla spedizione della finale di Europa League a Baku. Di seguito la motivazione del club: “Siamo molto delusi di annunciare che Henrikh Mkhitaryan non viaggerà con la squadra per la finale della Uefa Europa League contro il Chelsea. Abbiamo esplorato
Olivier Giroud, attaccante del Chelsea

Chelsea, Giroud rinnova fino al 2020

Con un comunicato apparso sul sito ufficiale, il Chelsea informa di aver prolungato il contratto di Olivier Giroud. L'attaccante francese ha firmato fino a Giugno 2020. Il classe 1986 è molto contento della scelta fatta: "Avevo intenzione di rimanere qui un altro anno. Spero ci saranno altri trofei da vincere".
Inter, il quindicenne Maicol Lentini

Inter, è morto Maicol Lentini: aveva 15 anni

Muore all'età di 15 anni Maicol Lentini, ex giovane promessa dell'Inter. Il ragazzo fu costretto nel 2017 a lasciare il calcio in seguito ad una malattia. Lentini è stato stroncato da un malore mentre era a casa. Di seguito il messaggio di cordoglio della società nerazzurra: “FC Internazionale Milano partecipa
Alessandro Altobelli, ex attaccante dell'Inter

Inter, Altobelli attacca i nerazzurri: “Fate solo piangere, vi meritate una bordata di fischi”

Alessandro Altobelli, ex attaccante dell'Inter, ha detto la sua riguardo alle deludenti prestazioni dei nerazzurri nell'ultimo periodo di campionato. Sul proprio profilo ufficiale di Instagram ha pubblicato una frase con cui ha espresso tutto il suo disappunto: "Non ci resta che piangere, anzi fate piangere, ma noi siamo testardi !!!

ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLA 37ESIMA GIORNATA DI SERIE A

L'identità dell'Atalanta L'Atalanta sente profumo d'Europa. Lo ha evidenziato l'ultima trasferta a Torino, contro "la Juventus più distratta che potesse capitare", come detto dal Papu Gomez nel prepartita. All'Allianz Stadium gli uomini di Gasperini sono stati abili e coraggiosi nel cercare un risultato utile che sicuramente non era scontato, ancorchè la
Toni Kroos, centrocampista del Real Madrid

Kroos rinnova con il Real Madrid fino al 2023

Tramite una nota ufficiale sul sito, il Real Madrid ha annunciato il rinnovo del contratto del centrocampista tedesco Toni Kroos. Il classe 1990 si è legato ai Blancos fino a Giugno 2023. LEGGI ANCHE >> Real Madrid, è fatta per Jovic

ARTICOLI CORRELATI