“Posso essere duro con Inzaghi, ma spingerlo nella giusta direzione”

Arrigo Sacchi ammette che può esseredurocon l’allenatore dell’Inter Simone Inzaghi – ma dice che vuole dargli motivazione.

Il leggendario ex allenatore del Milan ha elogiato Inzaghi quando ha consegnato il Premio Pulgarelli al 48enne, come riportato da FCInterNews.

Sacchi è noto per essere un esperto con opinioni forti.

E l'ex tecnico rossonero e nazionale non ha mai nascosto le sue critiche a Inzaghi da quando il 48enne è diventato allenatore dell'Inter.

Ci sono stati alcuni temi coerenti nelle critiche di Sacchi a Inzaghi.

Secondo lui l'ex tecnico della Lazio ha puntato troppo sulle qualità individuali. Ha sostenuto che l'Inter non pressa abbastanza in modo proattivo e che fa troppo affidamento sugli errori dell'opposizione.

Arrigo Sacchi: “Sono duro con Inzaghi, ma per spingerlo nella giusta direzione

Tuttavia, Sacchi è stato anche più che disposto ad essere più generoso con Inzaghi.

E negli ultimi mesi l'ex allenatore del Milan si è dimostrato particolarmente complimentoso.

Secondo Sacchi, Inzaghi ha imparato ed è cresciuto nel corso della sua esperienza alla guida dell'Inter.

Sacchi ha detto di Inzaghi che “sono stato duro con lui a volte”.

“Ma ho sempre cercato di spingerlo nella direzione giusta”, ha detto l'ex allenatore del Milan.

“E sono molto felice di vederlo sulla strada che sta seguendo. È diventato uno stratega”.

“In questa stagione l'Inter ha vinto meritatamente lo scudetto”, ha continuato Sacchi.

L'ex allenatore rossonero sostiene che «nel calcio non si arriva da nessuna parte essendo 'furbo'. Il calcio è uno sport collettivo, bisogna giocarlo con tutti gli undici uomini”.

“Ma non sono molte le squadre italiane che giocano con tutti gli undici uomini”, ha sostenuto Sacchi.

“E questo è un aspetto in cui possiamo migliorare”.

L'ex tecnico del Milan ha affermato che “non giochiamo da squadra. Difficile farlo se non si cercano giocatori affidabili, giocatori che diano tutto quello che possono”.

Lascia un commento