Pistocchi litiga con un tifoso bianconero: “Juventus associazione a delinquere, la colpa è dei tuoi genitori che non ti hanno fatto studiare” C'è stato un intenso botta e risposta sui social tra Maurizio Pistocchi ed un tifoso della Juventus: ecco cosa è accaduto.

Foto: profilo Twitter Maurizio Pistocchi

Sui social Maurizio Pistocchi, noto giornalista sportivo e televisivo, ha avuto un acceso battibecco con un tifoso della Juventus. Il tutto è accaduto sotto un post pubblicato proprio da Pistocchi, su cui è arrivato il commento del fans bianconero.

Da oggi puoi essere sempre aggiornato sulle nostre news seguendoci su Google News, mettendo il tuo like alla pagina Facebook dI Mondocalcionews.it e iscrivendoti al nostro canale Telegram. USA ANCHE I NOSTRI CODICI SCONTO PER RISPARMIARE SUI TUOI ACQUISTI ONLINE CLICCANDO QUI.

Foto: profilo Twitter Luciano Moggi

Il post in questione recita: “Sono passati 16 anni dalla scomparsa di Giacinto Facchetti. E’ stato un Campione di sportività e correttezza, dentro e fuori dal campo, esempio per i giovani e per chi ama il Calcio. Chi ha avuto la fortuna di conoscerlo lo sa. R.I.P.”.

LEGGI ANCHE: Pellegatti attacca il nuovo acquisto dell’Inter: “Altro che amore, sta lì solo per i soldi”

PISTOCCHI LITIGA SUI SOCIAL CON UN TIFOSO DELLA JUVENTUS: ECCO IL BOTTA E RISPOSTA

Il post ha attirato l’attenzione di un tifoso della Juventus che ha risposto: “Da juventino rendo onore e memoria a Facchetti esemplare in campo e di grande classe. Sulla vicenda farsopoli qualche ombra ha avvolto anche la sua figura! Se si è onesti intellettualmente!”

LEGGI ANCHE: Caos Juventus, non solo Bonucci: Allegri ne caccia altri due

Foto: profilo Twitter Juventus

Pistocchi ha poi replicato: “Le intercettazioni hanno dimostrato che: 1. Era BERGAMO a chiamare FACCHETTI e non viceversa 2. È sempre BERGAMO che dice “Metti COLLINA” 3. FACCHETTI chiedeva arbitraggi onesti, forse perché sapeva già cosa c’era dietro #calciopoli

Il tifoso: “Lei è veramente falso ogni oltre limite e continua a vestirsi di onestà ed equidistanza”. A quel punto, dopo una serie di altri scambi di battute a dir poco acceso, Pistocchi ha concluso: “Se non capisci la differenza tra chi fa lobbing -che è consentito dalla legge- e una associazione per delinquere finalizzata alla frode in ambito sportivo riconosciuta da sentenza definitiva della Cassazuone non è colpa tua ma dei tuoi genitori che non ti hanno fatto studiare”.

Il tifoso ci ha messo l’ultima parola: “Se non capisce la differenza tra ‘campionati non alterati’ e ‘frode sportiva prescritta’ c’è poco da fare il giornalista, ma solo il commentatore fazioso. Basta dirlo senza tirare in mezzo i genitori o altro che non ha ottenuto grandi risultati dal suo studio”.