Piatek spara per primo, Zaniolo risponde: bel pari tra Roma e Milan
HOME>SERIE A>Piatek spara per primo, Zaniolo risponde: bel pari tra Roma e Milan

Piatek spara per primo, Zaniolo risponde: bel pari tra Roma e Milan

03 Febbraio 2019 alle 23:00 di Vittorio Cornacchia

Termina 1-1 il posticipo serale all’Olimpico tra la Roma e il Milan: al vantaggio rossonero del primo tempo, siglato dal solito Piatek, risponde ad inizio ripresa Zaniolo. Grandissime parate di Donnarumma e un palo di Pellegrini a frenare i giallorossi.

ROMA (4-3-3): Olsen; Karsdorp (85’Santon), Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini, De Rossi, Zaniolo; Schick (81’Kluivert), Dzeko, Florenzi (65’El Shaarawy). All: Di Francesco

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Bakayoko, Paquetà (78’Castillejo); Suso (87’Laxalt), Piatek (87’Cutrone), Calhanoglu. All: Gattuso

Marcatori: 26’Piatek; 46’Zaniolo

Dopo la doppietta col Napoli, Piatek si ripete anche all’Olimpico

Si gioca in un clima rovente e non potrebbe essere altrimenti: la clamorosa rimonta subita a Bergamo e la goleada di Firenze hanno indispettito il pubblico giallorosso, che non fa mancare il proprio sostegno ma allo stesso tempo esprime il proprio disappunto. Di Francesco ha gli uomini contati viste le squalifiche di Cristante e Nzonzi e gli infortuni di Under e Perotti e per questo rispolvera il suo 4-3-3 messo in naftalina negli ultimi mesi, con Zaniolo dirottato a fare la mezzala sinistra e Pellegrini dall’altra parte mentre in avanti El Shaarawy si accomoda in panchina con Florenzi e Schick a supportare Dzeko. Gattuso conferma tutto, dando spazio al suo Milan ideale con Piatek in avanti a caccia di altri gol e il nuovo gioiellino Paquetà in mediana. L’inizio è caratterizzato dalla veemente rabbia della Roma, che parte forte e prova a pressare altissimo il Milan, creando qualche grattacapo ai rossoneri, specialmente con un tiro di Dzeko parato da Donnarumma in tuffo. Poi pian piano il Milan si riorganizza e inizia a gestire meglio la gara, trovando il gol del vantaggio al 26‘ quando Paquetà ruba furbescamente palla a Pellegrini, resiste al ritorno del centrocampista romano e poi serve Piatek sul primo palo: il polacco è un falco ad avventarsi sulla sfera e brucia un pachidermico Fazio siglando lo 0-1. La Roma potrebbe crollare mentalmente in maniera definiva e invece butta il cuore oltre l’ostacolo e va vicina al pareggio quasi immediatamente con Zaniolo con un bel diagonale sul quale è ancora superbo Donnarumma. Lo stesso portiere della Nazionale sarà addirittura sensazionale al 43′, quando andrà prima a togliere dalla porta un colpo di testa schiacciato a terra di Schick e diretto all’angolo e poi a murare Dzeko sulla ribattuta, permettendo al Milan di chiudere in vantaggio il primo tempo.

Il gioiellino Zaniolo ristabilisce la parità in via definitiva

La ripresa parte subito sul botto: appena 26 secondi di gara e Fazio, con una grandissima apertura da centrocampista  navigato, trova sulla destra l’ottimo Karsdorp, cross basso dell’olandese che viene deviato da un difensore rossonero verso la propria porta, Donnarumma è ancora reattivo ma sulla respinta il più lesto di tutti è Zaniolo, che spinge la palla in rete anticipando anche Dzeko e ristabilendo la parità. Il gol dà ulteriore carica ai giallorossi che attaccano con frequenza per gran parte della ripresa, esprimendo a tratti anche un buon calcio e riuscendo a coinvolgere gran parte dello stadio. Dzeko di testa, su corner di Pellegrini, esalta ancora uno strepitoso Donnarumma ma la più grande occasione del match capita al 77′ sulla testa di Lorenzo Pellegrini, che gira in porta un cross di Kolarov scavalcando il portiere rossonero ma la palla si schianta sul palo. La Roma è a corto di energie e nel finale il Milan cambia atteggiamento e si fa molto più propositivo. Il finale è di alta tensione con El Shaarawy che sfiora il colpaccio in contropiede e Laxalt al 90′ che si libera dell’ingenua marcatura di Santon, messo male con la postura del corpo, e calcia col destro verso la porta ma Olsen va a terra e gli nega il gol. Termina in parità con le due squadre che dopo tutto possono definirsi soddisfatte del punto, che non cambia la situazione in classifica.

POST PARTITA

Di Francesco: “Occorre sempre prendere uno schiaffo prima di reagire, avremmo meritato la vittoria. La partita di Firenze fa riflettere sugli atteggiamenti. Noi allenatori dobbiamo essere bravi a valorizzare i giocatori sfruttandone le caratteristiche ma questa squadra mi fa un pò rabbia, conosce diversi modi di giocare ma non sempre vi riesce. De Rossi è stato straordinario, conosce il calcio ed esalta i compagni. Oggi neanche i 3 punti avrebbero cancellato la sconfitta di Firenze. Schick stava bene e l’ho messi, deve credere di più in se stesso perchè sa giocare bene a calcio e ricoprire più ruoli. Zaniolo è molto bravo nelle aggressioni e può fare la mezzala così come l’esterno. Ce lo teniamo stretto ma deve migliorare anche qualcosina, specialmente nel cross quando arriva sul fondo. ”

Zaniolo: “Meritavamo di più, abbiamo avuto occasioni nitide ma non siamo riusciti a segnare. Ci teniamo la prestazione e pensiamo a vincere la prossima partita.  Il mister voleva che andassi dentro e fare ciò che sapevo. Noi dobbiamo pensare solo ad allenarci e dimostrare che con la Fiorentina è stato un caso e che possiamo conquistare il posto in Champions. Il mister dice che la tattica conta poco se non ci mettiamo qualcosa in più noi e infatti oggi ne è stata la prova, avendo creato tantissimo”

Gattuso: “Abbiamo fatto una buona partita ma ha giocato meglio la Roma. Noi siamo usciti fuori nella ripresa ma ai punti sono andati meglio loro. E’ una grande squadra che sta attraversando un momento negativo ma siamo contenti di quanto abbiamo fatto stasera. Piatek fa reparto da solo”

 

ULTIME DI MONDOCALCIONEWS

CdS:l’Inter annuncerà Edin Dzeko dopo il 1° Luglio

"Seppur ci sia ancora da lavorare sulla distanza tra Roma e Inter alla fine sarà fumata bianca per veder indossare
Salvatore Tuttolomondo, dirigente del Palermo

Palermo, Tuttolomondo a Sportitalia: “Documentazione consegnata alle 23,59”

Dopo la notizia trapelata in queste ultime ore della mancata iscrizione del Palermo Calcio al prossimo campionato di Serie B,

Caos Serie B, il Palermo non parteciperà al prossimo campionato

Incredibile quello che sta succedendo. Il Palermo non ha consegnato le documentazioni necessarie per l'iscrizione al prossimo campionato cadetto, e
Luigi Di Biagio, CT dell'Italia U21

Italia U21, Di Biagio…che disastro: dimettiti prima di perdere la faccia

L'Italia under 21 è fuori dall'Europeo di categoria. La competizione, che si sta svolgendo in Italia, perde una protagonista, pretendente
Alvaro Morata, attaccante dell'Atletico Madrid

Morata consiglia a Padoin: “Vieni all’Atletico”

Dopo 3 anni si è conclusa l'avventura al Cagliari di Simone Padoin. L'ex Atalanta ha detto addio ai rossoblù con

Romania-Francia 0-0, è biscotto amaro: Italia eliminata

Brutta partita a Cesena. E' stato evidente che nessuna delle due squadre avesse reali intenzioni di vincere la partita. Molto
Inter e Barcellona

Inter, possibile clamoroso scambio tra il Barcellona ed i nerazzurri

Inter e Barcellona avrebbero aperto una trattativa per uno scambio di prestiti tra Naingollan e Vidal. Secondo quanto riporta Sportmediaset, i
Simone Padoin, esterno ex Cagliari

Cagliari, Padoin saluta i sardi su Instagram: “In tre anni ricordi stupendi…”

Le strade di Simone Padoin ed il Cagliari si dividono dopo tre anni. L'ex giocatore della Juventus ha voluto salutare
Logo Serie C

UFFICIALE: il Foggia è fuori dalla Serie C insieme ad altre quattro squadre

Ora è ufficiale: il Foggia non prenderà parte al prossimo campionato di Serie C. Le difficoltà delle ultime ore hanno
Matthijs De Ligt, difensore dell'Ajax

De Ligt-Juventus, crollo delle quote sui bookmakers: l’operazione è certa

Secondo i bookmakers l'operazione Matthijs De Ligt-Juventus si farà. Nel giro di un giorno le quote del trasferimento dell'olandese alla