Parma-Inter, l’en plein dei ducali nella stagione 1998/99.

08 Febbraio 2019 - 11:34 di

Copyright © 2018 - 2019 MondoCalcioNews.it - Riproduzione riservata

Parma-Inter: una classica nella Serie A degli ultimi vent’anni.

Parma-Inter sarà una delle sfide più importanti della ventitreesima giornata di Serie A. Le due squadre si affronteranno domani sera allo stadio “Ennio Tardini” in quella che è diventata una delle classiche del nostro campionato. Per il Parma, che all’andata vinse a San Siro grazie ad un gol del difensore scuola Inter Federico Dimarco, sarà una specie di prima volta, visto che riceverà i nerazzurri in casa per la prima volta dopo il fallimento del 2015 che costrinse i ducali a ripartire dalla Serie D.

Parma-Inter: il Parma degli anni ’90 che lottava per il campionato e dominava in Europa.

Il Parma di oggi punta a restare nella massima serie dopo gli anni bui, ma il sogno di tutta la tifoseria è quello di tornare ai fasti degli anni ’90 quando i gialloblu erano abituati a competere per lo scudetto e vincevano coppe nazionali ed internazionali. Una squadra ricca di tanti campioni del calibro di Buffon, Cannavaro, Thuram, Verón Crespo (per citarne alcuni), che fece sognare un’intera città. Tutto cominciò a fine anni ’80 quando il Parma conquistò per la prima volta la Serie A, grazie agli sforzi della famiglia Tanzi, proprietaria del colosso Parmalat, portando la squadra a traguardi inimmaginabili.

Due annate, in particolare, resteranno nei cuori dei tifosi parmensi: la stagione 1994/95, nella quale gli emiliani ebbero un intenso duello contro la Juventus in  campionato, Coppa Italia e Coppa Uefa, battendo i bianconeri nella finale di Coppa Uefa. L’altra, invece, fu la stagione 1998/99 della quale parleremo.

Parma-Inter: i trionfi dei ducali nella stagione 1998/99.

La stagione 1998/99 fu l’apice della gestione Tanzi. Il Parma era una delle “sette sorelle”, ovvero sette squadre che puntavano a vincere lo scudetto in quella stagione. La squadra, guidata da Alberto Malesani, era zeppa di campioni stranieri e giocatori italiani di ottimo livello come Fuser, Benarrivo ed Enrico Chiesa. Un gruppo formidabile, capace di far male anche ad avversarie più quotate come la Juventus, il Milan o l’Inter. Quest’ultima, in quella annata, ebbe nel Parma la sua bestia nera.

I nerazzurri, infatti, affrontarono i ducali per quattro volte tra campionato e semifinali di Coppa Italia. In campionato, all’andata finì con la vittoria casalinga del Parma nella 15° giornata; era il 6 gennaio 1999 e la gara fu decisa da una punizione di Diego Fuser. Al ritorno, la squadra di Malesani raggiunse l’apoteosi battendo l’Inter a San Siro con un  secco 3-1 grazie alle reti di Stanic, Asprilla Fuser l’8 maggio 1999. Nelle semifinali di Coppa Italia, il dominio gialloblu fu ancora più netto: la gara d’andata, il 17 febbraio, si conclude con un’altra vittoria parmense per 2-0 con i gol di Verón Balbo, al ritorno i gialloblu s’imposero per 2-1 al “Tardini” conquistando la finale.

A fine stagione, il Parma alzerà al cielo la Coppa Uefa e la Coppa Italia, arrivando quarto in campionato e qualificandosi per i preliminari di Champions League. Per l’Inter, invece, annata da dimenticare con quattro allenatori esonerati in pochi mesi e niente coppe europee.