HOME>NEWS SQUADRE SERIE C>“Promozione frutto di un progetto solido; la salvezza non sarebbe un miracolo, saremo competitivi” le parole del DG della Virtus Verona Diego Campedelli

“Promozione frutto di un progetto solido; la salvezza non sarebbe un miracolo, saremo competitivi” le parole del DG della Virtus Verona Diego Campedelli

Di Dante Bonfini - il 18 Luglio 2018

L'articolo prosegue qui sotto

Segui MondoCalcioNews su FACEBOOK, INSTAGRAM, YOUTUBE, TELEGRAM e TWITTER o scarica l'App per ANDROID ed IOS

Fra le tante squadre che, al termine della stagione 2017/2018, hanno ottenuto la promozione dalla serie D alla serie C figura una piccola società rappresentante di un quartiere di Verona e che, dopo 4 anni, è tornata fra i professionisti, dopo la prima esperienza nel 2014 in Lega Pro Seconda Divisione (serie C2). Si tratta della Virtus Verona, riconosciuta come Virtus Vecomp Verona, vincitrice del Girone C grazie ai 73 punti realizzati in 34 gare disputate con sole 5 sconfitte subite, che si appresta a disputare il suo primo campionato di serie C, con il solito affiatamento e la solita tranquillità che hanno da sempre contraddistinto questa squadra, guidata in panchina ed alla scrivania dall’allenatore-presidente Luigi Fresco, in carica dal lontano 1982. Ai nostri microfoni è intervenuto in esclusiva il Direttore Generale Diego Campedelli:

Quattro anni fa siamo stati molto sfortunati, dato che la riforma del campionato, che prevedeva 9 promozioni e 9 retrocessioni, ci condannò alla serie D nonostante i 44 punti conquistati; dopo quella delusione ci siamo riorganizzati e abbiamo messo in piedi un progetto semplice, ma solido che ci ha permesso, dopo tre stagioni in cui siamo stati eliminati ai playoff, di costruire una buona squadra grazie alla quale ci siamo ritrovati a lottare quest’anno per il primo posto e, dopo un rush finale importante, abbiamo agguantato questa promozione. Durante il campionato ci sono stati dei segnali, vittorie in rimonta o allo scadere, che ci hanno suggerito che questa potesse essere la volta buona, ma abbiamo sempre proseguito con umiltà. L’obiettivo per la stagione che verrà rimane ovviamente la salvezza, ma non si tratterebbe di un’impresa miracolosa, visto che stiamo allestendo una rosa competitiva per la categoria“.

Dalle parole del direttore si evince l’importanza del gruppo, ma soprattutto dell’ambiente tranquillo, reso tale dal lavoro dello storico allenatore:”L’ambiente privo di grosse pressioni, la solidità di gruppo e la guida del nostro allenatore, che è anche il presidente, rappresentano dei fattori fondamentali, che saranno decisivi probabilmente per il prossimo campionato. Il nostro ambiente tranquillo, ma al tempo stesso professionale, è ideale per i nostri giocatori, che hanno un rapporto speciale con Fresco; grazie a lui tanti calciatori da noi hanno saputo esprimersi al meglio.”

Infine due immancabili parole sul mercato:”Abbiamo cercato delle figure valide che potessero adattarsi al nostro ambiente; la cosa importante sarà certamente cercare di confermare il gruppo promozione, arricchendolo con qualche altro acquisto utile alla causa, come ad esempio dei giovani provenienti da Hellas Verona o dal Chievo. Gli arrivi di Andrea Trainotti, Alberto Rubbo dal Mestre, Nicola Lancini dal Brescia e Francesco Grandolfo dal Bassano siamo convinti sapranno dare un contributo importante alla Virtus”.

https://it-it.facebook.com/usvirtusbv/

loading...
loading...
Loading...