HOME>NEWS SQUADRE SERIE A>Ultimi giocatori arrivati in Serie A: nuovi colpi per il Fantacalcio?

Ultimi giocatori arrivati in Serie A: nuovi colpi per il Fantacalcio?

Di Emilio Langella - il 24 Agosto 2019

L'articolo prosegue qui sotto

Segui MondoCalcioNews su FACEBOOK, INSTAGRAM, TELEGRAM e TWITTER o SCARICA l'App Android

JONY RODRIGUEZ

Sebbene dovremo attendere ancora una settimana per il suo esordio, posticipato per motivi burocratici, Jony potrebbe rappresentare un vero colpo in ottica Fantacalcio; l’esterno spagnolo infatti è reduce da una sorprendente stagione in Liga che lo ha visto protagonista con 4 reti ed 11 assist (alle spalle dei soli Messi e Suarez) in 36 presenze. Abituato a giocare alto nell’Alaves, con la maglia della Lazio verrà con ogni probabilità impiegato come quinto di centrocampo sulla corsia esterna, presidiata nelle ultime stagioni da Lulic. La sensazione è che Jony, con la sua rapidità, possa rivelarsi un giocatore dal bonus facile. Da tenere in considerazione.

ROMELU LUKAKU

L’acquisto più costoso della storia dell’Inter è pronto a scalzare definitivamente Icardi dai cuori nerazzurri. La forte volontà di Antonio Conte nel portarlo a Milano fa capire la sua centralità all’interno del nuovo progetto della Società, ma varrà la pena pagarlo come un top all’asta del Fantacalcio? Lukaku è un attaccante potente, fisico, capace di realizzare 113 gol durante i suoi anni in Premier League; inoltre va in doppia cifra da 7 anni ed approda in una squadra potenziata in tutti i suoi reparti, che lo vedrà come finalizzatore della manovra. Se questi dati saranno senza dubbio funzionali al gioco ed inclini a ridurre il gap con la Juventus, possiamo di contro osservarne altri che dovrebbero far riflettere ogni fantallenatore: l’attaccante belga ha aggiunto al suo personale curriculum di goleador solamente 12 reti nella stagione passata, diventando oggetto di contestazione da parte dei tifosi del Manchester United. Come se non bastasse, si noti che sotto la gestione di Conte nessun attaccante è mai riuscito a raggiungere i 20 gol in campionato, eccezion fatta per Diego Costa nel 2016/17.

E’ più facile pensare ad una Inter diversa dall’ultimo quinquennio, non più dipendente dal suo 9, e quindi maggiormente propensa a spalmare i suoi gol su un’ampia porzione di rosa. Un copione che tende a presentarsi sovente con Conte in regia.

FRANCK RIBERY

Un calciatore che non necessita di presentazione. Dominante in Germania ed in Europa per svariate stagioni, Ribery è il colpo che può cancellare dalla mente dei tifosi viola il finale di campionato thriller che si è concluso da pochi mesi. Se però è vero che il forte esterno può dare esperienza e mentalità al gruppo, il risvolto della medaglia è poco incoraggiante per i fantallenatori; Ribery ha segnato 11 reti nei suoi ultimi due anni bavaresi e non va in doppia cifra dal 2013/14.

Come affermato da Luca Toni, “Franck non sarà tanto importante per i numeri personali, quanto per una crescita collettiva. Inoltre potrà far capire a Chiesa come consacrarsi e diventare un campione”. Parola di campione del Mondo.

MATTHIJS DE LIGT

Difensore classe 1999, ex capitano dell’Ajax, potenziale crack in ottica Fantacalcio. De Ligt ha sposato la Vecchia Signora dopo averla ferita a morte nella scorsa edizione della Champions League, ed andrà a comporre una delle coppie difensive più interessanti della Serie A con Chiellini. In mero ambito fantacalcistico, il ragazzo olandese, di grande eleganza e stile nei movimenti, promette una buona dose di bonus (addirittura sono 8 i centri realizzati in Eredivisie), oltre ad una sicurezza per chi utilizza il “modificatore”. La sua straordinaria qualità nei colpi di testa su palla inattiva costerà carissima al momento dell’asta.

MARIO BALOTELLI

Balotelli ha scelto di ripartire dal Brescia. Dal preciso istante in cui la notizia è stata resa ufficiale si sono chiesti un po’ tutti cosa possa dare ancora quell’eterna promessa mai mantenuta, quel talento che è sempre stato croce e delizia del suo pubblico. Tralasciando l’aspetto comportamentale, la carriera di SuperMario ci mostra un calciatore che si è evoluto nel tempo, che è stato in grado di razionalizzare la sua vena offensiva, calciando meno spesso dei suoi inizi ma con maggiore accuratezza, scegliendo i tempi più consoni per lui. Balotelli viene da stagioni confuse, in quella appena passata ha totalizzato solo 13 gare. Fa riflettere però un dato: l’attaccante in Francia, pur nella sua sregolatezza, ha mantenuto una buona media di un gol ogni 1,8 partite (considerate tutte le 74 presenze di Ligue One). Addirittura con Inter, City e Milan aveva raggiunto e sfondato il tetto dei 20 gol stagionali.

Tutto ciò fa pensare che, in condizioni serene dal punto di vista ambientale e tattico, Balotelli abbia tutte le carte in regola per trascinare la squadra della città che lo ha visto crescere.

Lascia un commento

Lascia un commento

Loading...