HOME>NEWS SQUADRE SERIE A>MILAN>Milan-Spal: 3-0. Pioli:”Suso? Deve reagire…”

Milan-Spal: 3-0. Pioli:”Suso? Deve reagire…”

Di Ivan Ghisleni - il 15 Gennaio 2020

L'articolo prosegue qui sotto

Segui MondoCalcioNews su FACEBOOK, INSTAGRAM, YOUTUBE, TELEGRAM e TWITTER o scarica l'App per ANDROID ed IOS

Si conclude sul 3-0 il match di Coppa Italia tra Milan e Spal. La squadra di Pioli passa in vantaggio con Piatek, che ritorna al gol dopo un mese. Il Milan raddoppia con Castillejo che con un tiro a giro sul secondo palo beffa l’ incolpevole Berisha. Nel secondo tempo Hernandez la chiude con un sinistro dal limite; sul finale interviene il VAR per annullare un calcio di rigore, che l’ arbitro aveva ingiustamente assegnato a favore della Spal. Nel prossimo match di coppa Italia il Milan se la vedrá con il Torino di Mazzarri, che ha passato il turno con il Genoa.

 

Le parole di Pioli:

Avete trovato la quadra? “Sono convinto che sia questione di atteggiamento e approccio della gara, e oggi l’abbiamo fatto con la giusta intensità e qualità. Ero certo da parte dei giocatori che ho scelto, anche di chi sta giocando meno”.

Suso momento difficile? “Ho apprezzato i ragazzi della curva, è entrato e ha messo una palla gol importante, il suo momento non è migliore ma deve reagire con carattere”.

Sta crescendo la squadra? “È più la squadra che possa aiutare il singolo a crescere. L’arrivo di Ibra è stato importantissimo per quello che fa sul campo tutti i giorni, per quello che ha fatto vedere e Cagliari. Per l’atteggiamento e la professionalità che mette in tutto ciò che fa. Vedere lavorare un campione così è un esempio, sta dando tanto anche se non ha giocato”.

Primo tempo di Piatek? “Devo fare rendere al meglio i giocatori che ho a disposizione, ha avuto delle occasioni. Ma è stata la squadra a fare una grande prestazione, pensiamo all’Udinese ora perchè loro stanno bene di testa e di gambe. I tifosi meritano tanto, ci stanno incitando e bisogna trasformare San Siro in un fortino”.

Rebic? “Ha fatto bene e giocate di qualità, è più una seconda punta che un esterno ed è una valida possibilità che abbiamo”.

Il gol può cambiare qualcosa per Piatek sul mercato? “Sta lavorando bene, tutte le volte che viene chiamato in causa si fa trovare pronto, il fatto che ora stiamo giocando a due punte apre gli spazi ad altre scelte e possibilità”.

Entusiasmo? “E’ giusto, perchè quando perdiamo non abbiamo entusiasmo, quando vinciamo è giusto averlo. Bisogna insistere su questo entusiasmo, si può sempre cadere in un percorso lungo e difficile ma poi bisogna sapersi rialzare. Ora concentriamoci sull’Udinese”.

Theo Hernandez costruire il futuro del Milan? “Deve assolutamente migliorare sull’approccio alla gara. Parte non troppo concentrato e reattivo, poi alla lunga esce fuori. Per il ruolo che fa deve crescere nel leggere ancora meglio le situazioni, soprattutto a inizio gara. E’ un giocatore fantastico ed è un terzino, ce ne sono pochi come lui. Deve avere come obiettivo quello di diventare un grande giocatore. Il talento da solo non è sufficiente”.

Trasformazione Castillejo? “Aveva cominciato bene al mio arrivo, poi ha avuto un infortunio alla Lazio e ci ha messo tempo per ritrovare la condizione. Sa attaccare la profondità, ha le caratteristiche giuste per essere importante per il Milan”.

Coppa Italia? “Tutte le grandi squadre vogliono vincere la Coppa. Un passo alla volta, perchè con la Spal non era scontato. Siamo un grande club e dobbiamo puntare al massimo”.

La gara di questa sera può cambiare il mercato? “Stasera tutti i giocatori chiamati in causa hanno fatto a pieno il loro dovere. Se possiamo migliorare la rosa lo faremo”.

 

Fonte foto: Instagram Milan

Lascia un commento

Lascia un commento

Loading...