La lettera degli eroi di Spagna ’82: “Grazie per le emozioni uniche. Osate sempre”

Foto: profilo Instagram UEFA Euro 2020

L’11 luglio è una data che gli italiani ricordano con molto piacere. Esattamente 39 anni fa, a Madrid, l’Italia di Bearzot si laureava Campione del Mondo per la terza volta nella sua storia, battendo la Germania allo stadio Santiago Bernabeu. Gli azzurri di quella spedizione hanno scritto una lettera ai ragazzi di Roberto Mancini, incoraggiandoli per la finale di stasera contro l’Inghilterra. Ecco il testo della lettera:

“In queste settimane abbiamo rivisto in voi tanto, tantissimo di noi e della nostra storia, sportiva ed umana. Nel vostro coraggio, nella vostra passione, nel vostro senso di appartenenza, nel vostro slancio in avanti dopo un periodo difficile, ci siamo ritrovati. Le storie belle non si dimenticano mai perché non finiscono mai; diventano emozioni che rimangono nel tempo, ricordi che si rafforzano, passando di cuore in cuore, di memoria in memoria. Sarà così anche per voi. Comunque vada. Grazie per averci fatto rivivere tutto questo, per averci fatto sentire, ancora una volta, giovani e senza paura e per aver dimostrato che dentro ogni italiano c’è una forza profonda, grande, e spesso imprevedibile, che nei momenti difficili esplode e rende possibili anche le imprese che non lo sembrano.  Osate sempre, sognate il futuro che potete costruire. E adesso andate a Londra, scendete su quel campo e date il massimo come avete sempre fatto… le storie belle non finiscono mai! Forza ragazzi.

1 Dino, 2 Franco, 3 Beppe, 4 Antonio, 5 Fulvio, 6 Claudio, 7 Gaetano-Mariella, 8 Pietro, 9 Giancarlo, 10 Beppe, 11 Gian Piero, 12 Ivano, 13 Lele, 14 Marco, 15 Franco, 16 Bruno, 17 Daniele, 18 Alessandro, 19 Ciccio, 20 Paolo-Federica, 21 Franco, 22 Giovanni, C.T. Enzo-Cinzia, All. in seconda Cesare-Paolo.”

Fonte: sportmediaset.it

LEGGI ANCHE:Copa America, De Paul: “Messi è il migliore di tutti i tempi. Vincere al Maracana è incredibile”

LEGGI ANCHE:Ceferin: “Godetevi la finale. Questa partita resterà negli annali.”