Paolo Condò ha detto la sua in merito alla sconfitta dell’Italia in Nations League e anche i fischi a Donnarumma, ex portiere del Milan. Le sue parole tra le pagine de La Repubblica:

«La Nations League era un obiettivo di passaggio ghiotto, come la striscia-record di imbattibilità non sembrava matura per concludersi, ma tant’è: questa sconfitta con la Spagna toglie poco allo splendido 2021 dell’Italia di Mancini, semmai l’avvisa che nel 2022 un sacco di avversari ci aspettano per la rivincita. Non la giocheremo a San Siro, ed è un sollievo: se i fischi milanisti a Donnarumma sono stati antipatici, quelli all’inno spagnolo ci hanno fatto vergognare».

Leggi anche: Cassano dopo la festa di Ibra esonera Pochettino: “Mi sono arrivate voci alle quali stentavo a credere”

Articolo precedenteTorino, Cairo su Belotti: “Rinnovo? Per ora non è intenzionato a firmare”
Articolo successivoCorsa Scudetto, Zaccheroni la tocca piano: “I rossoneri mi piacciono da morire. Milan o Napoli? Ecco cosa penso”