9 Luglio 2006, tredici anni fa il cielo era azzurro sopra Berlino

Fabio Grosso a Berlino 2006
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Sono passati ben 13 anni da quella magica notte, nella quale l’Italia divenne per la quarta volta campione del mondo. Nella finale, giocata allo stadio di Berlino, la Francia passò in vantaggio con il rigore trasformato da Zidane. Poi arrivò il pareggio ad opera di Marco Materazzi, che trafisse con uno splendido colpo di testa l’estremo francese Barthez.

La gara scivolò via, piena di patos e di emozione. La tensione era tanta, poteva vedersi dal sudore impresso sulle magliette dei calciatori. Segno del destino, quella partita verrà ricordata soprattutto per ciò che successe tra i due marcatori: Zidane e quella insensata testata al ventre di Materazzi. L’espulsione più dolorosa, che sancì amaramente la fine della carriera del fenomeno francese.

Tutti sappiamo come andò a finire. I rigori ci hanno visto uscire vincitori da quella battaglia; Fabio Grosso, ultimo rigorista, tirò il pallone più pesante della sua carriera, quanto il più leggero dopo che vide la sfera entrare. E’ l’apoteosi. Marcello Lippi che corre dentro al campo come se fosse un ragazzino quindicenne, gli azzurri che si rincorrono a vicenda, abbracciandosi e festeggiando. Quella vittoria, purtroppo, è stata l’ultima gioia che la nostra nazionale ci ha dato. Speriamo, in un recente futuro, che il tutto si possa ancora rivivere.

Tags:
COMMENTA L'ARTICOLO