Messi e il Mondiale: una storia ancora tutta da scrivere -
REGISTRATI LOGIN -
HOME>SERIE A>Messi e il Mondiale: una storia ancora tutta da scrivere

Messi e il Mondiale: una storia ancora tutta da scrivere

14 Giugno 2018 - 14:42 di Pierfrancesco Vecchiotti - Articolo letto: 0 volte

Oggi inizia il mondiale e gli occhi ancora una volta sono puntati su Lionel Messi. Il numero 10 argentino ha il compito di riportare la Coppa più ambita a Buenos Aires 32 anni dopo l’ultimo trionfo.

Lionel Messi nasce il 24 Giugno del 1987 a Rosario, in Argentina. Inizia a prendere a calci un pallone all’età di cinque anni e quattro anni dopo viene ingaggiato dal Newell’s Old Boys. E’ qui che a 15 anni viene notato dagli osservatori del Barcellona. Il direttore sportivo dei Blaugrana, Rexach, per paura di perderlo gli fa firmare il contratto su un tovagliolo di carta. Leo con la maglia del Barça vince tutto (9 Campionati Spagnoli e 4 Champions League) e si aggiudica per ben 5 volte il Pallone d’oro. Una carriera stratosferica, quasi perfetta.

Quasi, appunto.

Perché se ti chiami Leo Messi non puoi abbandonare la rassegna iridata senza aver lasciato un segno indelebile su di essa.

Se ti chiami Leo Messi vuoi essere riconosciuto come il numero uno non solo in Europa ma anche e soprattutto in Argentina, dal tuo popolo.

E ovviamente se ti chiami Leo Messi sai che quest’onore spetta per ora all’ultimo “Diez” che è riuscito a vincerlo un Mondiale.

Quindi è lecito credere che da venerdì, quando la Selección scenderà in campo per la prima partita del girone, vedremo un uomo diverso. La “pulce” per forza di cose dovrà diventare grande e riuscire a far ricredere tutti coloro che lo reputano un fuoriclasse soltanto con la palla tra i piedi. I tifosi argentini confidano in lui e gli chiedono di prendersi la squadra sulle spalle come fece Maradona a Città del Messico . Soltanto se riuscirà ad innalzare il livello di ogni singolo compagno con le sue giocate, l’Argentina potrà ambire alla vittoria. Non sarà facile ma siamo certi che Leo non rinuncerà facilmente alla sua “ossessione”. A 31 anni vuole diventare a tutti gli effetti il MESSI(A) del popolo argentino.

ULTIME DI MONDOCALCIONEWS

Inter, Benitez: “Alcuni giocatori post triplete non volevano che Coutinho giocasse”

Rafa Benitez torna a parlare del periodo in cui ha allenato l'Inter. In un'intervista concessa alla BCC ha rilasciato le seguenti dichiarazioni incentrandosi soprattutto su Coutinho, in quel periodo fresco diciottenne: "Quando sono arrivato a Milano la società mi ha promesso alcuni acquisti ma non arrivò nessuno. Quella squadra ebbe molti

Inter, Alexis Sanchez è nella lista dei preferiti: ma l’ingaggio…

L'Inter prova a percorrere la pista inglese. Secondo quanto riportato dal giornale The Independent, i nerazzurri tastano il terreno per arrivare all'esterno d'attacco Alexis Sanchez. Il 31enne quest'anno non ha disputato una stagione ai suoi livelli, mettendo a segno solo tre reti. L'ingaggio però è monstre: il Manchester United paga al

Napoli, Davide Ancelotti: “Prima o poi arriveremo a vincere qualcosa”

Ai microfoni di Radio Kiss Kiss Davide Ancelotti, vice allenatore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla stagione in corso: "Abbiamo il dovere di blindare il secondo posto. Lunedì abbiamo patito lo sforzo fisico fatto in Europa League. La squadra ha retto per 60 minuti giocando un buon calcio.

Ajax, preso il portiere Scherpen dall’Emmen

La società dell’Ajax, fresca semifinalista in Champions League, continua a battere ferro nel mondo del calciomercato. Dall’Emmen arriva a titolo definitivo il promettente portiere classe 2000 Kjell Scherpen. Il ragazzo sarà a disposizione dei Lancieri a partire dal primo Luglio. >> SCARICA L’APP DI MONDOCALCIONEWS <<  

Dalla Turchia: Leicester e West Ham su Calhanoglu

Secondo quanto riportato dal portale turco Fanatik, Hakan Calhanoglu, centrocampista del Milan, è entrato nel mirino di due squadre inglesi: West Ham e Leicester. Le due compagini vogliono portarlo in Inghilterra: la base d’asta è di 30 milioni di euro. >> SCARICA L’APP DI MONDOCALCIONEWS <<  

Milan, stagione finita per Calabria: rottura del perone

Sfortuna in casa Milan. Davide Calabria, uscito anzitempo in stampelle da San Siro nel match di ieri sera contro la Lazio in Coppa Italia, deve concludere anzitempo la stagione. Il terzino ha infatti riportato la rottura del perone. La prognosi è di due mesi. >> SCARICA L’APP DI MONDOCALCIONEWS <<

Juventus, Lippi da consigli: “Per vincere la Champions ci vuole anche fortuna”

Marcello Lippi, ex allenatore della Juventus, a Radio 2 ha rilasciato un’intervista in cui spiega come vincere la Champions League: “Come vincerla? Tutti i giocatori devono avere un forte senso di appartenenza, di sacrificio e voglia di mettersi a disposizione l’un l’altro per il compagno. Quest’anno alla Juventus è mancata un

Il City passeggia sullo United: è 2 a 0 all’Old Trafford per gli uomini di Guardiola

Nella 35^ giornata della Premier League è andato in scena il derby di Manchester con non pochi screzi prima del fischio d'inizio. A spuntarla alla fine è stato il City di Pep Guardiola, perfetto in tutti i novanta minuti. Vantaggio siglato da Bernardo Silva al 54'; il gol del definitivo

Disastro Milan, Gattuso sbaglia tutto e Correa lo punisce. Inzaghi: “Strameritata”

Un Milan osceno, incapace di creare un solo pericolo nel corso di tutta la gara, si arrende alla Lazio, subendo un incredibile gol in contropiede nel corso della ripresa. Biancocelesti in finale, attendono di conoscere l'avversaria tra Atalanta e Fiorentina, che si sfideranno domani. FOLLIA GATTUSO Una delle gare più

L’Atletico Madrid rimanda la festa scudetto del Barcellona: Valencia battuto 3 a 2

Nella 34^ giornata della Liga l'Atletico Madrid supera per 3 a 2 il Valencia, rimandando così la festa scudetto del Barcellona, ora a -9. Al Wanda Metropolitano sono state decisive le reti di Morata, Griezmann e Correa per i madrileni; Gameiro e Parejo invece sono i marcatori per gli ospiti.

ARTICOLI CORRELATI