Marsala, rimborsi fermi da Ottobre. I giocatori: “Siamo delusi, vogliamo delle risposte”
HOME>SERIE D>Marsala, rimborsi fermi da Ottobre. I giocatori: “Siamo delusi, vogliamo delle risposte”

Marsala, rimborsi fermi da Ottobre. I giocatori: “Siamo delusi, vogliamo delle risposte”

11 Gennaio 2019 alle 14:27 di Redazione MCN

In casa Marsala la situazione sembra non essere delle migliori. Di seguito pubblichiamo il comunicato stampa dei giocatori del club azzurro in merito al mancato passaggio di proprietà:

“Noi calciatori della Prima Squadra del Marsala Calcio, giunti in data 9 gennaio, nonostante le numerosi riunioni e promesse fatte su un possibile passaggio di quote del pacchetto di maggioranza di proprietà verso l’imprenditore Domenico Cottone, non vediamo alcun tipo di partecipazione del 70% societario, ma solo del 30% riconducibile al “Gruppo Li Causi”. Il grosso dell’ammontare della gestione 2018-2019 fino ad oggi è stato a carico del sig.Cottone Domenico, semplice Club Advisor unitamente al “gruppo Li Causi” ed a altri pochi sponsor adoperatisi a finanziare l’insieme delle spese di gestione (rimborsi spese, trasferte, affitti, ristorante, premi partita, cure sanitarie e fornitori, eccetera), oltre che la liquidazione di alcune spettanze relative alla Stagione Sportiva 2017/2018, stagione che ci piace ricordare è culminata con la vittoria del campionato di Eccellenza e relativa promozione in quarta serie nazionale.
Nonostante la confusione societaria imperante manifestatasi fin dalle prime giornate di ritiro e successive problematiche logistiche affrontate (spostamenti da un impianto ad un altro, acqua calda insufficiente a fine allenamento, attrezzature e materiale sportivo insoddisfacente, un terreno di gioco imbarazzante), stiamo dimostrando di ben figurare in campionato, in linea con gli obiettivi prefissati ad inizio stagione (obiettivo salvezza). Aggiungiamo inoltre che i rimborsi spese accordatici sono fermi alle mensilità di ottobre, e sono stati corrisposti dai sopracitati Signori.
In conclusione aggiungiamo che siamo delusi da alcune voci che si rincorrono in città ogni settimana volte a destabilizzare l’ambiente più di quanto già lo sia per i problemi sopra elencati. Tali voci, riguardanti fittizi risultati finali delle gare da noi affrontate, mettono in dubbio la nostra professionalità lavorativa, dignità personale ed integrità morale come nel caso di domenica scorsa in occasione della gara casalinga contro il Rotonda. A metà gara, sullo 0-0, venivamo platealmente accusati di disonorare la Maglia. La partita è stata poi vinta 2-0, cosa che ha consentito di portarci a 30 punti in terza posizione solitaria.
Nella giornata di ieri una nostra delegazione è stata ricevuta dal presidente Giuseppe Milazzo, alla presenza anche del vice-presidente Antonino Lo Presti e del dirigente Francesco Genna. In tale incontro abbiamo chiesto la stipula degli accordi economici per nostra tutela e come richiesto dai regolamenti federali. L’esito della riunione è stato negativo, i contratti rimangono non firmati, e da questo momento in poi, fino a regolarizzazione della nostra posizione, la squadra non si allenerà e ovviamente non prenderà parte a nessuna gara ufficiale.
La Rosa della Prima Squadra, visto quanto esposto, chiede una risposta chiara, esaustiva ed immediata da parte della proprietà e della Società tutta, in modo da garantire ed assicurare le condizioni necessarie a tutelare i nostri diritti di lavoratori. In ultimo la squadra si rivolge alla Città e a tutta la tifoseria Azzurra chiedendo comprensione e solidarietà nei confronti di chi fin adesso ha onorato la Maglia e la Città, sempre con lealtà prima ancora che con risultati sportivi (fino ad oggi eccellenti).

Fonte: Notiziariocalcio.com

ULTIME DI MONDOCALCIONEWS

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan

Spal-Milan, Gattuso: “Non devo giudicare il mio operato. La partita che rigiocherei…”

La parole di Rino Gattuso dopo l'amara vittoria contro la Spal che ha il sapore amaro di Champions sfiorata Sulle

Milan in Europa League, Fiorentina e Genoa salve: tutti i risultati dell’ultima giornata

Nella 38^ giornata di Serie A il verdetto più clamoroso arriva dal Mapei Stadium, dove l'Atalanta si qualifica alla prossima
Atalanta, squadra di Serie A

Storica Atalanta: centrata la qualificazione alla prossima Champions League

L'Atalanta, nell'ultimo turno di Serie A, supera per 3 a 1 il Sassuolo, centrando una storica qualificazione alla prossima Champions
Inter-Empoli

Che partita a San Siro !! L’Inter è in Champions, l’Empoli retrocede in Serie B

Nell'ultima giornata di Serie A l'Inter vince contro l'Empoli per 2 a 1, trovando la qualificazione alla prossima Champions League.

Spal-Milan 2-3, sorriso amaro. Non basta la vittoria per la Champions

Partita emozionante tra Spal e Milan. Decisivo con Kèssie. Rossoneri chiudono quinti in campionato Al 5' prima occasione della partita.

Roma, osservatore arrestato per violenze sessuali su baby calciatori

Un 53enne romano di professione talent scout (osservatore di calcio) è stato arrestato ieri dalla Polizia Locale con l'accusa di
Daniele De Rossi, capitano della Roma

Roma, la commovente lettera di De Rossi

“Che te ridi regazzi’? So’ felice! Perché sei felice? C’ho la maglietta della Roma. Ma non è che è falsa? Ma no, il numero l’ha
Joao Felix, attaccante del Benfica

Benfica, il presidente Soares: “Per Felix ci vogliono 120 milioni di euro”

Ormai non è una novità che Joao Felix, talento classe 1999 del Benfica, sia conteso tra i top club d’Europa.
Paulo Dybala, attaccante della Juventus

Juventus, Dybala: “Voglio continuare con questa maglia”

Paulo Dybala, attaccante della Juventus, è stato intercettato dalla stampa a margine di un evento Adidas a Milano: “Il mio
Dani Alves, ex giocatore della Juventus

Juventus, Dani Alves: “Mi sono sentito tradito”

Ai microfoni di ESPN Dani Alves, giocatore del PSG, ha parlato della sua esperienza alla Juventus: "L'anno ai bianconeri è stato spiacevole. Mi