L'ex stella dell'Inghilterra ammette di aver condiviso informazioni mentre avverte che le “fughe di notizie” di Southgate sono inevitabili

“Non puoi farci niente!”

Prima dei quarti di finale di Euro 2024, Gareth Southgate era furioso quando scoprì che erano trapelate le sue intenzioni di cambiare formazione passando a una difesa a tre.

Sembrano già essere note le novità sulla squadra di Southgate per la semifinale di stasera contro l'Olanda, con Luke Shaw che partirà dalla panchina mentre l'allenatore dei Three Lions conferma Kieran Trippier.



Sebbene il 53enne cerchi di tenere le sue carte nascoste, l'ex nazionale inglese Peter Crouch ha dichiarato che i suoi sforzi sono vani.

Intervenuto al podcast That Peter Crouch, l'ex attaccante del Liverpool ha dichiarato: “È successo fin dall'inizio dei tempi, verrà sempre fuori.

“Bisogna ricordare quante persone della stampa, quante emittenti televisive, quanti giornali e persone della radio ci sono intorno al campo ogni singolo giorno.

Non aveva una soluzione su come Southgate avrebbe potuto impedire che i suoi segreti venissero rivelati: “Agenti, famiglie, sfortunatamente sarà [get out]. Non vedo come ciò cambi a meno che Gareth non tenga i giocatori sulle spine. Perché loro sono [gonna tell].”

Il 43enne che ha collezionato 42 presenze con la nazionale e segnato 22 gol ha ammesso di aver regolarmente divulgato notizie sulla squadra.

Ha detto: “Se non inizio nel weekend, dico a mio padre: 'Non gioco'. Oppure: 'Gioco, preparati per questo', capisci? Non puoi farci niente. Poi mio padre lo dice al suo migliore amico e le cose succedono”.

Crouch, che ha trascorso cinque anni nella nazionale inglese, ha parlato degli estremi a cui sono ricorsi alcuni allenatori per evitare fughe di notizie.

Ha detto: “Rafa Benitez lo faceva sempre. A volte non avevamo idea di quale sarebbe stata la squadra finché non veniva annunciata il sabato. Giocavi con una certa forma, ma non conoscevi il personale”.

Marc Guehi dovrebbe tornare nella formazione titolare dopo essere rientrato dalla sospensione. Probabilmente schiererà anche Kieran Trippier prima di Luke Shaw, che è tornato dall'infortunio come sostituto nei quarti di finale e manterrà la fiducia nel capitano Harry Kane nonostante i critici ne chiedano l'esclusione.

A questo punto non ci sono più molti segreti da nascondere ai Paesi Bassi.