Legge anti pezzotto, quanti siti pirata sono stati bloccati? Ecco il numero

Ieri è stato approvato il decreto legge sulla pirateria online, ma è una stronz*ta pazzesca: ecco come aggirarlo.

La nuova legge antipirateria è entrata in vigore, introdotta per contrastare in modo più efficace la pirateria nei contenuti digitali, compresi gli eventi sportivi trasmessi in streaming. Le nuove modalità di contrasto sono più severe e rapide, consentendo alle autorità di emettere ingiunzioni di blocco dinamiche attraverso una piattaforma automatizzata. Inoltre, la legge permette di ordinare il blocco della riproduzione illegale di eventi entro i primi 30 minuti dalla loro trasmissione.

Questa nuova legge è fondamentale per combattere la pirateria digitale, che rappresenta una minaccia per i servizi di streaming legali e per l’industria dei contenuti in generale. Secondo l’ultimo Osservatorio FAPAV/IPSOS, la presenza di siti oscurati ha spinto il 49% di coloro che accedono illegalmente ai contenuti a considerare l’opzione di sottoscrivere abbonamenti legali.

DAZN, in particolare, ha supportato attivamente l’approvazione di questa legge e ha collaborato con le autorità per bloccare siti pirata che trasmettevano illegalmente eventi sportivi, come le partite di Serie A TIM. La società ha commentato che negli ultimi mesi della scorsa stagione ha lavorato con le autorità per chiudere circa 80 siti pirata che violavano i diritti di trasmissione, e che ha intrapreso azioni legali per richiedere risarcimenti danni da parte di questi siti.