L'Aston Villa ha fatto la scelta giusta su un fallimento di 15 milioni di sterline che ora è a reti inviolate in Francia

Aston VillaIl pareggio per 0-0 contro l'Ajax nell'andata degli ottavi di finale di Europa Conference League dimostra quanto siano progrediti negli ultimi 18 mesi.

Non è passato molto tempo da quando la squadra delle Midlands stava lottando con Steven Gerrard, trascinandola lentamente verso un duello per la retrocessione.

Questo è stato fino a quando Unai Emery arrivato. Lo spagnolo ha ringiovanito il club, portandolo al settimo posto la scorsa stagione, che gli è valso l'ingresso in Europa.

Ha fatto un salto di qualità in questa stagione poiché la squadra di Villa Park occupa attualmente il quarto posto in classifica premier League classifica, cinque punti di vantaggio sul Tottenham Hotspur, che giocherà domenica.

Una vittoria li vedrà estendere il loro vantaggio a otto punti ed Emery potrebbe iniziare a sognare di vedere la sua squadra affrontare l'élite.

Essere in grado di ingaggiare giocatori come Moussa Diaby, Paolo TorresE Turi Tielemans ha aiutato il club, ma ora dovrà superare alcuni ostacoli, in modo da liberare fondi per futuri acquisti per rafforzare la squadra.

Il Villa è stato bravo a far avanzare i giocatori in passato quando le loro prestazioni hanno iniziato a diminuire, come ad esempio l'attaccante Jonathan Kodjia.

Quanto ha pagato l'Aston Villa per Jonathan Kodjia

Il club era retrocesso dalla Premier League alla fine della stagione 2015/16, essendo stato presente nella divisione sin dalla sua nascita nel 1992.

Il nuovo capo Robert di Matteo cercò di assicurarsi la promozione la prima volta che lo chiese e trascorse generosamente quell'estate. Ross McCormack arrivato per 12 milioni di sterline e Jonathan Kodjia si sono uniti per l’incredibile cifra di 15 milioni di sterline dalla città di Bristol.

La mossa fu un record per il campionato dell'epoca, ma era chiaro che il manager italiano era felice di averlo a bordo.

L'attività di trasferimento dell'Aston Villa nell'estate del 2016

Giocatore

Club firmato da

Ross McCormack

Fulham

Jonathan Kodjia

Città di Bristol

Giacomo Chester

West Brom

Aaron Tshibola

Lettura

Pierluigi Gollini

Hellas Verona

Miglio Jedinak

Palazzo di cristallo

Tommy Elphick

Bournemouth

Alberto Adomah

Middlesbrough

Richie De Laet

Leicester City

Tramite Transfermarkt

“Siamo davvero lieti di esserci assicurati i servizi di Jonathan”, ha detto l'ex tecnico del Chelsea dopo aver annunciato il suo ultimo arrivo.

“È un marcatore collaudato e speriamo che giocherà un ruolo importante in quella che speriamo sarà una stagione di successo per il club”.

Durante la stagione 2015/16, Kodjia aveva ha segnato 18 gol in seconda divisione e se c'era qualcuno che poteva dare una spinta al Villa dopo la retrocessione, Kodjia era sicuramente qualcuno che poteva offrire molti gol.

Le statistiche dell'Aston Villa di Jonathan Kodjia

Entrando nella stagione con la coppia di attaccanti McCormack e Kodjia, Di Matteo sapeva che i gol non sarebbero dovuti essere un problema.

Dopo qualche mese, però, era solo uno di questi giocatori a dare ottime prestazioni, e non era McCormack. Alla fine è passato in prestito al Nottingham Forest, ma l'ivoriano era protagonista in seconda divisione.

In sole 36 partite di campionato, ha trovato il dietro la rete 19 volteanche se Villa ha concluso al 13° posto, a l'incredibile cifra di 18 punti fuori dalle posizioni dei playoff, mentre i gol di Kodjia contavano per circa il 40% dei loro 47 tentativi nel campionato in quella stagione, a dimostrazione di quanto fosse importante per loro.

Solo lui riuscito a raggiungere un obiettivo la stagione successiva, ma ciò era dovuto a un infortunio alla caviglia che lo ha tenuto fuori per 14 partitementre un altro infortunio alla caviglia durante la stagione 2017/18 gli ha fatto saltare 24 partite tra tutte le competizioni.

L'attaccante si riprese durante la stagione successiva, segnando nove gol pur registrando tre assist in campionato quando il Villa è stato promosso tramite i playoff, ponendo fine alla sua permanenza di tre stagioni in seconda divisione.

Il giocatore era stato precedentemente salutato come “provato” dall'ex allenatore Di Matteo e mentre i problemi di infortunio avevano deragliato i suoi progressi tra il 2017 e il 2019, un nuovo inizio in Premier League era la sua sfida principale.

Sfortunatamente, la nazionale della Costa d'Avorio non è riuscito a segnare in una qualsiasi delle sue sei partite di Premier League ed è stato criticato dall'ex attaccante del Villa Darren Bent, il quale ha dichiarato che Kodjia era “troppo incoerente” nella massima serie.

Considerando l'impressionante inizio di vita che ha fatto al club nel 2016, le sue prestazioni sono gradualmente peggiorate e nel gennaio 2020 è stato venduto alla squadra del Qatar Al-Gharafa a metà della loro prima stagione nella massima divisione.

Quello che ha fatto Jonathan Kodjia da quando ha lasciato l'Aston Villa

Il centravanti ha avuto un inizio promettente in Medio Oriente, segnando sette gol nelle sue prime dieci partite nel campionato del Qatar, aggiungendone altre 11 in 20 partite durante la stagione 2020/21 quando ha iniziato a lasciarsi alle spalle i recenti problemi di infortunio.

Kodjia si è unito all'Umm Salal – un'altra squadra del Qatar – prima della stagione 2022/23, ma il suo periodo lì è stato meno promettente. segnando solo quattro volte in tutte le competizioni, e non passò molto tempo prima che cercasse di tornare in Europa.

Dopo aver iniziato la sua carriera professionale in Francia, l'attaccante è passato l'estate scorsa all'FC Annecy, squadra della Ligue 2, ma il trasferimento non ha funzionato bene.

Non solo l'ex attaccante del Villa non è riuscito a segnare durante il suo periodo nella seconda divisione francese, ma anche lui si colloca in una modesta nona posizione nella rosa per tiri in porta a partita (0,3), insieme al nono posto per dribbling riusciti a partita (0,5) e al sesto per tiri totali a partita (1,1).

Queste statistiche dimostrano che le sue prestazioni sotto porta sono state chiaramente prive di un vantaggio decisivo, il che è supportato dal fatto che finora non è riuscito a segnare un solo gol per la squadra.

Nonostante i suoi incredibili primi mesi al Villa Park, la produzione di Kodjia ha iniziato a esaurirsi – principalmente per colpa degli infortuni – e non è riuscito a mostrare il suo vero talento una volta promosso in Premier League nel 2019.

Venderlo nel 2020 è stata apparentemente la decisione giusta, soprattutto vista la sua forma da quando se n'è andato, e sta sicuramente entrando negli anni crepuscolari della sua carriera.

Emery vorrà prendere nota di come trasferirsi rapidamente a un giocatore quando non sta giocando al fine di massimizzare i profitti e diversi giocatori potrebbero entrare nei loro ultimi mesi come giocatore del Villa prima della finestra di mercato estiva.

Il club ha fatto molta strada da quando ha speso 15 milioni di sterline per Kodjia nel 2016, ma la mossa alla fine si è rivelata inadeguata a lungo termine.

Lascia un commento