L'Asso nella manica
HOME>SERIE A>L’Asso nella manica

L’Asso nella manica

06 Maggio 2018 alle 07:00 di Redazione MCN

Secondo minuto di recupero del primo tempo: i giocatori bianconeri sconsolati e affaticati rientrano a testa bassa negli spogliatoi dell’Allianz per l’intervallo, si ode qualche fischio, qualche mugugno qua e là. Simone Verdi ha portato in vantaggio il Bologna su rigore, causato dalla frittatona di Buffon, che ha sbagliato l’appoggio in area, e di Rugani, che si è addormentato e poi ha fatto fallo sull’arrembante Crisetig. Il primo tempo della Juventus è stato improntato sulla lentezza: giro palla non veloce, spazi chiusi, Dybala soffocato e stralunato, un paio di occasioni con il diagonale di Higuain (splendido il lancio di Marchisio e l’imbucata del Pipita in mezzo a due) e la zuccata di Alex Sandro, entrambi ben parati da Mirante, poco altro.

E se il pubblico bianconero, durante i 15 minuti di intervallo, si è fatto attanagliare da strane sensazioni e turbe di rimonta “da 5 maggio” (rectius: da 14 maggio, Perugia, anno 2000…), Allegri si gioca il suo asso, inserendo Douglas Costa per un Matuidi volenteroso ma pasticcione. E subito l’ansia se ne va: 2 assist per i gol di Khedira e Dybala, uno morbido a palombella sul secondo palo, l’altro chirurgico e caparbio, accelerazioni sul posto e palloni velenosi in area, un tiro smanacciato da Mirante e la delizia di una rabona a rientrare, che passa non lontano dal secondo palo. Tutto questo in un solo tempo di gioco.

Non è una novità per il Douglas Costa degli ultimi mesi: dopo un inizio di rodaggio, dove ha prodotto qualche lampo isolato in mezzo a prestazioni scolastiche e tanta panchina, già a dicembre ha iniziato a svoltare, più precisamente nella partita con il Napoli al San Paolo, schierato trequartista insieme a Dybala, dietro alla prima punta Higuain. Non più bloccato sulla fascia sinistra con compiti anche difensivi, ma libero di svariare, il brasiliano ha disputato una partita di spessore. Da quel giorno è cominciata una lenta e paziente ascesa, fino ad arrivare ai mesi di marzo e aprile in cui è stato letteralmente devastante, anche su palcoscenici importanti: tra i migliori in campo a Wembley e a Madrid in Champions, a San Siro contro l’Inter in campionato, straordinario uomo assist con i quali ha mandato in porta un po’ tutti, raggiungendo quota 12 in campionato, scavalcando proprio il rossoblu Verdi.

Piedi e passo da brasiliano, abbina alla velocità una forza fisica che gli permette una strenua resistenza nei contrasti e soprattutto una lucidità mentale che gli fa sempre fare la cosa giusta nel momento appropriato. Non segna molto (5 gol stagionali, 4 in Serie A, finora), ma fa segnare e spacca le partite, trivellando le difese avversarie e facendo zampillare oro nero.

ULTIME DI MONDOCALCIONEWS

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan

Spal-Milan, Gattuso: “Non devo giudicare il mio operato. La partita che rigiocherei…”

La parole di Rino Gattuso dopo l'amara vittoria contro la Spal che ha il sapore amaro di Champions sfiorata Sulle

Milan in Europa League, Fiorentina e Genoa salve: tutti i risultati dell’ultima giornata

Nella 38^ giornata di Serie A il verdetto più clamoroso arriva dal Mapei Stadium, dove l'Atalanta si qualifica alla prossima
Atalanta, squadra di Serie A

Storica Atalanta: centrata la qualificazione alla prossima Champions League

L'Atalanta, nell'ultimo turno di Serie A, supera per 3 a 1 il Sassuolo, centrando una storica qualificazione alla prossima Champions
Inter-Empoli

Che partita a San Siro !! L’Inter è in Champions, l’Empoli retrocede in Serie B

Nell'ultima giornata di Serie A l'Inter vince contro l'Empoli per 2 a 1, trovando la qualificazione alla prossima Champions League.

Spal-Milan 2-3, sorriso amaro. Non basta la vittoria per la Champions

Partita emozionante tra Spal e Milan. Decisivo con Kèssie. Rossoneri chiudono quinti in campionato Al 5' prima occasione della partita.

Roma, osservatore arrestato per violenze sessuali su baby calciatori

Un 53enne romano di professione talent scout (osservatore di calcio) è stato arrestato ieri dalla Polizia Locale con l'accusa di
Daniele De Rossi, capitano della Roma

Roma, la commovente lettera di De Rossi

“Che te ridi regazzi’? So’ felice! Perché sei felice? C’ho la maglietta della Roma. Ma non è che è falsa? Ma no, il numero l’ha
Joao Felix, attaccante del Benfica

Benfica, il presidente Soares: “Per Felix ci vogliono 120 milioni di euro”

Ormai non è una novità che Joao Felix, talento classe 1999 del Benfica, sia conteso tra i top club d’Europa.
Paulo Dybala, attaccante della Juventus

Juventus, Dybala: “Voglio continuare con questa maglia”

Paulo Dybala, attaccante della Juventus, è stato intercettato dalla stampa a margine di un evento Adidas a Milano: “Il mio
Dani Alves, ex giocatore della Juventus

Juventus, Dani Alves: “Mi sono sentito tradito”

Ai microfoni di ESPN Dani Alves, giocatore del PSG, ha parlato della sua esperienza alla Juventus: "L'anno ai bianconeri è stato spiacevole. Mi