La Serie A passa da 20 a 18 squadre: caos in FIGC, cosa sta accadendo con Inter, Juve e Milan

Foto: sito ufficiale FIGC

La Juventus, l’Inter e il Milan hanno espresso in modo deciso la propria posizione durante un incontro di rilievo con il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, riguardo alle riforme dei campionati italiani.

L’incontro, avvenuto oggi, ha visto la partecipazione dei dirigenti delle tre squadre attualmente in testa alla Serie A. Per la Juventus erano presenti Maurizio Scanavino e Francesco Calvo, mentre per l’Inter c’era Giuseppe Marotta. Il presidente del Milan, Paolo Scaroni, ha partecipato tramite videoconferenza.

Secondo quanto riportato dall’Ansa, durante il vertice le tre grandi squadre hanno ribadito la propria posizione a favore di una Serie A composta da 18 squadre, con una riduzione di due compagini rispetto alla situazione attuale. Questa posizione, però, non sembra essere condivisa dalla maggior parte delle altre squadre che militano nel massimo campionato italiano.

Il tema della riforma dei campionati è oggetto di discussione da tempo e evidenzia una disparità di vedute tra i club di maggior prestigio, che spingono per una riduzione del numero di squadre, e le squadre più piccole, che preferirebbero non modificare la composizione della Serie A.

Foto: profilo Twitter FIGC

Un passaggio cruciale si avrà il prossimo 11 marzo con l’assemblea straordinaria della FIGC per la modifica dello statuto. In particolare, si discuterà sull’eliminazione del diritto d’intesa, che attualmente ostacola qualsiasi discussione sulla riforma dei campionati.

La posizione espressa da Juventus, Inter e Milan riflette la complessità e le divergenze presenti nel panorama calcistico italiano, evidenziando la necessità di un dialogo costruttivo e di un accordo che tenga conto delle esigenze di tutte le squadre coinvolte.

Lascia un commento