Gol Scamacca, Inter furiosa sul contatto Lookman-Dimarco: ecco perché il VAR non è intervenuto

La partita tra l’Atalanta e l’Inter ha generato polemiche a causa di un controverso episodio, il contatto tra Ademola Lookman e Federico Dimarco. L’incidente è avvenuto nel corso del match, nel momento in cui l’Atalanta aveva segnato un gol che aveva riaperto la partita. I nerazzurri hanno protestato, sostenendo che ci fosse stato un fallo da parte dell’attaccante dell’Atalanta su Dimarco, ma l’arbitro ha deciso di far proseguire il gioco.

La Sequenza dell’Episodio in Dettaglio

Per comprendere meglio l’accaduto, è necessario esaminare attentamente la sequenza video dell’episodio. Tutto è iniziato con una palla filtrante che ha messo in movimento Lookman, il quale ha cercato di entrare in area dalla destra. Nella stessa zona, c’era Dimarco, il difensore dell’Inter, che ha tentato di fermare l’avanzata dell’attaccante.

Dimarco si è messo tra la palla e Lookman, cercando di fare da scudo col suo corpo. In un primo momento, sembrava avere il controllo della situazione, ma nel contatto con Lookman, ha perso l’equilibrio ed è caduto. Gli interisti hanno sostenuto che ci fosse stato un fallo, evidenziando la sbracciata di Lookman, che secondo loro era irregolare e aveva spinto fuori causa il difensore.

La Decisione dell’Arbitro e il Ruolo del VAR

Nonostante le proteste degli interisti, l’arbitro Sozza ha mantenuto la sua decisione di far proseguire il gioco, senza concedere il fallo. Il VAR, che è utilizzato per rivedere le situazioni dubbie, non è intervenuto in questa occasione. Questo ha sollevato molte domande tra i tifosi e gli osservatori del calcio, che si sono chiesti se il VAR avrebbe dovuto essere coinvolto per riesaminare l’episodio.

 

Il Potere dell’Arbitro e le Interpretazioni del Calcio

L’aspetto cruciale di questo episodio è il potere dell’arbitro di prendere decisioni sul campo. Anche se la decisione dell’arbitro può essere oggetto di discussione e divergenze di opinione, essa ha la precedenza su ogni altra considerazione. Il VAR può intervenire solo se c’è un “chiaro ed evidente errore” da parte dell’arbitro che giustifica una revisione.

Nel caso dell’episodio Lookman-Dimarco, l’arbitro Sozza ha ritenuto che non ci fosse alcuna irregolarità da segnalare. Questo spiega perché il VAR non sia intervenuto, anche se ci sono state opinioni contrastanti sulla decisione. Alla fine, l’interpretazione dell’arbitro rimane quella prevalente, dimostrando ancora una volta quanto il calcio possa generare discussioni accese su situazioni di gioco e decisioni arbitrali.

Lascia un commento