Francesco Calzona, tecnico del Napoli, arrabbiato con il VAR dopo la sconfitta del Barcellona: “Un rigore netto”

Francesco Calzona, allenatore del Napoli, gigante della Serie A, ha chiarito la sua frustrazione nei confronti della squadra di arbitri che ha supervisionato l'incontro della sua squadra con il Barcellona martedì sera.

Ciò deriva dal tattico italiano dell'opinione che al Napoli sia stato negato un rigore evidente.

I Partenopei, ovviamente, sono freschi di uscita dalla Champions League.

Dopo essere andato in Catalogna per la gara di ritorno degli ottavi di finale contro i pesi massimi della Liga, il Barcellona, ​​il gol di Amir Rrahmani alla mezz'ora si è rivelato poco più che una consolazione, sulla strada della sconfitta per 3-1.

Eppure, mentre il Barcellona, ​​a conti fatti, è stata la squadra migliore della serata, il Napoli è stato comunque lasciato a riflettere su cosa sarebbe potuto accadere all'indomani della sfida di martedì.

Ciò avviene perché i detentori dello scudetto in carica sono stati responsabili di sprecare tutta una serie di opportunità presentabili sotto porta.

Non solo, ma hanno visto forti grida di rigoredopo una sfida del giovane Pau Cubarsí su Victor Osimhen – rimanere senza risposta.

Intervenendo ai media dopo il fischio finale del Montjuïc, il già citato Francesco Calzona si è affrettato a esprimere le sue frustrazioni.

Nel corso di un'intervista a Mediaset, come citato da Tuttomercatowebpreside del Napoli spiegato:

“Anche a me dalle immagini sembrava un calcio di rigore. Non capisco perché il VAR a questo livello non intervenga in una situazione del genere. Però avevamo anche la possibilità di pareggiare con Lindstrom e avremmo riaggiustato un po' la situazione. Ovviamente mi dispiace per il rigore perché sembrava chiaro”.

Conor Laird | GIFN

Lascia un commento