Zvonimir Boban, il “Segno di Dio” che diede un calcio in nome della libertà.

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

L’8 Ottobre, in Croazia non è un giorno come gli altri.

Esattamente 52 anni fa a Imoschi nasceva il simbolo della ribellione alla situazione politica che si viveva in quegli anni nella ex Jugoslavia.

Carriera:Zorro” come verrà soprannominato durante la sua carriera da calciatore, cresce calcisticamente nella Dinamo Zagabria dove ne diventa capitano all’età di 19 anni. Era il classico trequartista, capace di mettere il pallone dove voleva e di indirizzare la partita in un senso o nell’altro. I suoi 45 gol in 109 partite con la maglia della squadra Croata gli valgono una chiamata da parte del Milan di Berlusconi.

A volerlo in rossonero è Fabio Capello, che però lo gira in prestito al Bari per farlo ambientare più velocemente al calcio italiano. Dopo i 2 gol in 17 presenza in maglia biancorossa, fa ritorno a Milano dove vincerà con il “Diavolo” nel 1994 La Champions League e 4 Campionati. Dopo 9 anni in rossonero, chiuderà la sua carriera dopo appena 4 presenze nel Celta Vigo.

13 Maggio 1990: Allo stadio Maksmir va in scena il classico tra Dinamo Zagabria e Stella Rossa e fuori dallo stadio e sugli spalti accadde di tutto. Gli scontri tra le due tifoserie costrinsero gli agenti di Polizia ad intervenire sul campo da gioco, dove successe l’impensabile. Un poliziotto si scagliò contro un tifoso della Dinamo e inziò a malmenarlo, prendendolo a manganellate.

Boban, capitano della squadra di casa, decise di intervenire in prima persona, sferrando un calcio al poliziotto. Grazie a questo episodio il calciatore Croato divenne il simbolo della ribellione e dell’oppressione sociale grazie ad una foto che fece il giro del mondo.

Zvonimir, il cui nome significa “Segno di Dio”, decise di intervenire in nome di un ideale dichiarando che: “Quel calcio è stata una reazione normale, che avrebbe avuto qualsiasi essere umano in nome della libertà”.

 

Foto: Profilo ufficiale Twitter Calcio e dintorni.

 

COMMENTA L'ARTICOLO