I Mondiali del 1930 e il sogno realizzato di Jules Rimet

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

13 Luglio 1930: iniziano i primi Mondiali di calcio in Uruguay, il sogno di Jules Rimet diventa realtà

13 luglio 1930. Una data importantissima per la storia del calcio. Proprio in quel giorno iniziava in Uruguay la prima edizione dei Mondiali, trofeo allora conosciuto con il nome di Coppa Jules Rimet. Proprio il francese Rimet era stato l’ideatore della competizione, nata come alternativa al Torneo Olimpico, destinato esclusivamente ai calciatori non professionisti. Lo stesso dirigente transalpino aveva scelto l’Uruguay come nazione ospitante, in concomitanza con il centenario della propria indipendenza.

Mondiali 1930, una vera e propria avventura agli albori del pallone

Fu una vera e propria avventura la prima volta dei Mondiali di calcio novant’anni fa. Una sola città come sede (Montevideo, la capitale uruguaiana) per tre stadi: il Centenario (costruito per l’occasione), il Pocitos e il Gran Parque Central. Alcune squadre sbarcheranno in Sud America con una nave Italiana, Il Conte Verde, salpata da Genova e sulla quale salirono le squadre di Romania, Belgio, Francia Brasile insieme ai tre arbitri (i belgi Langenus, Cristophe e il francese Balway), oltre a Jules Rimet con la sua coppa custodita in una cassaforte. Gli jugoslavi arrivarono con la nave a vapore “Florida” da Marsiglia. Non mancarono, però, diverse illustri defezioni. Fecero scalpore quelle dell’Inghilterra che non partì insieme alla Scozia perché si riteneva la patria del calcio e anche quella dell’Italia che causò molte polemiche con la federazione dell’Uruguay. Senza contare diverse squadre europee costrette a rinunciare per motivi logistici.

Due settimane che cambiarono la storia del calcio

Con l’incontro tra Francia Messico, allo stadio Pocitos, vinto 4-1 dai transalpini, iniziò l’avventura dei Mondiali di calcio. Un’avventura che nella prima edizione in Uruguay durò finò al 30 luglio 1930.   Un edizione epica, caratterizzata anche da momenti tragicomici. All’ultimo atto saranno i padroni di casa ad alzare la coppa, battendo i cugini dell’Argentina, ma il vero vincitore sarà Jules Rimet che riuscì a realizzare il suo sogno. Un sogno che continua da novant’anni, un sogno chiamato Coppa del Mondo.

FOTO: Wikipedia.org.

COMMENTA L'ARTICOLO