La Sampdoria Women vince ancora al “Garrone” di Bogliasco, come riporta il canale ufficiale blucerchiato.

Dopo il successo di sabato con l’Inter le blucerchiate di Cincotta superano anche il Pomigliano nel recupero della 4.a giornata di Serie A TIMVISION, sospesa per maltempo lo scorso 26 settembre. Decisiva capitan Tarenzi, al terzo centro in cinque giorni.

Pericoli. Si riprende dal 32′ e sino al termine della prima frazione succede poco e nulla. Da segnalare solo un’occasione per la formazione ospite con Banusic che, da ottima posizione, spara incredibilmente alto. Al rientro dagli spogliatoi, dopo una rete annulla per fuorigioco a Tarenzi (8′), il Pomigliano è ancora pericoloso con Banusic su calcio di punizione neutralizzato da Tampieri (12′) e con un tentativo dalla distanza di Salvatori che termina di un soffio sopra la traversa (13′).

Letale. Ma sono le blucerchiate con grande cinismo a concretizzare la prima vera palla-gol della ripresa: alla mezzora, sugli sviluppi di una percussione di Re, la subentrata Battelani confeziona un assist perfetto per Tarenzi che, da due passi, si conferma letale e segna l’1-0. Nel finale l’assalto granata non porta a nulla: al 45′ spaccato Banusic va ad un passo dal pari. Ma non c’è più tempo: è gioia Samp, che batte il Pomigliano di misura e lo supera in classifica. Ora la sosta per la Coppa Italia (le doriane riposano) e gli impegni con le nazionali; poi si penserà alla trasferta del 31 ottobre in casa del Napoli Femminile.

Sampdoria     1
Pomigliano    0
Reti: s.t. 30′ Tarenzi.
Sampdoria (4-3-1-2): Tampieri; Novellino, Auvinen, Spinelli, Giordano; Seghir (29′ s.t. Carp), Re (33′ s.t. Musolino), Fallico; Rincón; Tarenzi, Martínez (15′ s.t. Battelani).
A disposizione: Babb, Boglioni, Carrer, Helmvall, Bursi, Gardel.
Allenatore: Cincotta.
Pomigliano (4-3-3): Cetinja; Apicella, Luik, Cox, Fusini; Ferrandi (36′ s.t. Ferrario), Puglisi, Vaitukaityte (36′ s.t. Moraca); Salvatori, Ippolito, Banusic.
A disposizione: Russo, Varriale, Massa, Tudisco, Capparelli, Panzeri, Ejangue.
Allenatore: Panico.
Arbitro: Nicolini di Brescia.
Assistenti: Munerati di Rovigo e Bertozzi di Cesena.
Quarto ufficiale: Cortese di Bologna.
Note: recupero 0′ p.t. e 4′ s.t.; terreno di gioco in sintetico.

 

Articolo precedenteBarcellona, il futuro è Pedri: il gioiellino di centrocampo blindato con il rinnovo fino al 2026
Articolo successivoMilan, Mirante si presenta: “Sono felicissimo di questa nuova avventura”