Logo Serie A Femminile
Foto: Logo Serie A Femminile

Anche il calcio femminile dice no alla proposta della FIFA di disputare i Mondiali ogni due anni

Ecco il comunicato ufficiale dove il calcio femminile europeo risponde negativamente alla proposta della FIFA di disputare i Mondiali ogni due anni. Ecco il comunicato ufficiale firmato anche dalla Serie A Femminile:

“I piani proposti dalla FIFA per organizzare i tornei di Coppa del Mondo maschili e femminili ogni due anni avranno impatti sportivi, economici, sociali e molti altri profondamente dannosi che modificheranno radicalmente il corso e lo sviluppo del gioco femminile. La natura frenetica del processo di consultazione (finora) molto selettivo e le proposte quasi concordate non hanno consentito un’attenta riflessione su ciò che è nell’interesse superiore del futuro sviluppo del calcio femminile né valutato adeguatamente le possibili conseguenze irreversibili come un cambiamento potrebbe comportare.

La relazione simbiotica tra tutte le parti del calcio mondiale, che consente al calcio professionistico, amatoriale e di base di tutti i club maschili e femminili e delle squadre nazionali di prosperare a pieno titolo, richiede una riflessione dettagliata e ponderata prima di raggiungere qualsiasi decisione conclusiva sul futuro del Calendario delle partite internazionali maschili e femminili (IMC/WIMC). Ad oggi questo processo deve ancora aver avuto luogo.

Per essere chiari, non si tratta in alcun modo dell’Europa che difende la sua posizione, né una questione di squadra nazionale contro calcio di club. Le nostre riserve sono incentrate sul nostro desiderio di uno sviluppo globale equilibrato e inclusivo che offra alle donne e alle ragazze le migliori condizioni per giocare il gioco più amato a tutti i livelli e in ogni società. Nessuno ha più comprensione e comprensione di questa complessità di coloro che coltivano il gioco quotidianamente – club, leghe, giocatori e allenatori – oltre agli organi di governo a livello confederale, nazionale e regionale.

Il nostro desiderio è che la FIFA si impegni in un forum genuino, congiunto e aperto con tutti gli organismi calcistici e le parti interessate pertinenti, per valutare con la profondità e la comprensione necessarie del contesto specifico e della fase di sviluppo del calcio femminile e della sua connessione con il calcio maschile, tutte le conseguenze che le proposte causeranno. Le conseguenze includono, ma non sono limitate a:

  • Aggiungere ulteriore congestione a un IMC femminile già affollato con più tornei finali femminili.
  • Aggiungere ulteriore congestione all’IMC maschile con più tornei finali maschili che ostacoleranno la visibilità e la crescita delle competizioni giovanili femminili, club e nazionali e dei campionati nazionali femminili in tutto il mondo.
  • Sottoporre a ulteriore pressione le risorse tecniche, mediche e amministrative disponibili per i giocatori di calcio della squadra nazionale femminile, poiché viene eliminata la necessità di disposizioni regolari annuali di tali competenze e le risorse sono concentrate sulle competizioni maschili.
  • Portare a un maggior rischio di lesioni fisiche e impatti sulla salute mentale per i migliori giocatori a causa di partite più concentrate per i percorsi di qualificazione con periodi di preparazione limitati e, l’aumento del carico imposto ai giocatori durante le condizioni più frequenti del torneo finale.
  • Interrompere il processo di professionalizzazione e gli investimenti nei campionati nazionali, e quindi l’ambizione di creare un’occupazione significativa a tempo pieno per giocatrici e strutture che offrono un ambiente d’élite. Ci sono ancora pochissimi campionati professionistici a tempo pieno al mondo.
  • Ridurre le opportunità per le nazioni più piccole, medie e in via di sviluppo in tutto il mondo di partecipare a una Coppa del mondo femminile FIFA, poiché solo le nazioni leader con solide basi hanno la capacità di risorse per rendere praticabile competere così regolarmente.
  • Compromettere le campagne di qualificazione organizzate dalla confederazione a causa di meno finestre, portando a meno opportunità di gioco regolare per tutti. In particolare, le associazioni meno sviluppate possono perdere il calcio organizzato regolarmente e quindi anche la partecipazione a tornei finali che sta alimentando il divario sportivo tra le nazioni.
  • Limitare l’espansione dei campionati continentali a livello di club e di squadra nazionale.
  • Ridurre significativamente la regolarità e l’esposizione del calcio della squadra nazionale femminile durante tutta la stagione, il che avrà un impatto negativo sulla promozione del gioco, sulla creazione di modelli di ruolo e sulla capacità di attrarre nuovi partner.
  • Trascurare lo sviluppo del calcio giovanile e delle competizioni esistenti, strutture fondamentali per il futuro del gioco.
  • Ridurre gli investimenti di sponsor e partner nel calcio femminile a causa di una saturazione dei mercati che minerà la sostenibilità finanziaria del calcio femminile a livello internazionale e nazionale, creando ulteriori disuguaglianze con il calcio maschile.
  • Interrompere la cultura dei tifosi globale e in rapida evoluzione per il calcio femminile che sta decollando, ma rischia di essere influenzato dal miglioramento di eventi sportivi consolidati in competizione che distoglieranno gli interessi dei tifosi e gli investimenti nel calcio femminile.
  • Creare sconvolgimenti per altri sport e altri importanti eventi sportivi importanti.

Ci avviciniamo al futuro dello sviluppo del gioco con una mentalità aperta e progressista e apprezziamo l’intento dichiarato dell’idea di una Coppa del Mondo femminile biennale è sviluppare il calcio e fornire più opportunità di gioco e di accoglienza. Tuttavia, una proposta di tale portata richiede un serio esame nel contesto in cui si colloca: l’ecosistema del calcio femminile. Un ecosistema che cresce a ritmo sostenuto, ma non è ancora completamente maturo. L’ulteriore sviluppo del gioco che tutti noi amiamo può davvero avvenire solo quando discutiamo insieme, allo stesso tavolo e con tutti coloro che sono stati colpiti da una decisione così importante. È un equilibrio delicato che deve mostrare rispetto e responsabilità attraverso uno spettro di competizioni, giocatori, allenatori, tifosi, nazioni e cultura.

Tale cooperazione e apertura tra le parti interessate del calcio è l’unica vera soluzione per trovare il modo migliore per sviluppare il calcio femminile su una base veramente globale e a beneficio di tutti”.

  • Kvindeliga (Associazione calcistica danese)
  • La FA Women’s Super League (Associazione calcistica inglese)
  • La FA Women’s Championship (Associazione calcistica inglese)
  • Frauen-Bundesliga (Associazione calcistica tedesca)
  • Kansallinen Liiga (Associazione calcistica della Finlandia)
  • Serie A Femminile (Associazione Italiana Calcio)
  • Eredivisie Vrouwen (Associazione Reale Olandese di Calcio)
  • Liga 1 Feminin (Federazione calcistica rumena)
  • Elitfotboll Dam, Svezia
  • Super League femminile (Associazione svizzera di calcio)
  • Associazione Club Europeo
  • UEFA

Leggi anche: Amadeus: “Vi racconto Zlatan a Sanremo: sono rimasto sorpreso”

Articolo precedenteIbra esuberante: “Chi vince lo scudetto? In che squadra gioca Zlatan, al Milan? E allora il Milan”
Articolo successivoItalia, Bernardeschi sulla Nations League: “Arrivare fino in fondo sarebbe fondamentale. Abbiamo fatto dei passi da gigante”