Roma, Pellegrini: “Il progetto dei Friedkin è ambizioso. Domani cerchiamo di vincere”

Affianco a Paulo Fonseca in conferenza stampa, ha parlato anche il capitano Lorenzo Pellegrini. Queste le parole del centrocampista:

Avete giocatori di grande respiro internazionale: è cresciuta la vostra consapevolezza rispetto al ko con il Siviglia?

“Deve essere così, da quasi 2 anni lavoriamo insieme con il mister e con un gruppo consolidato, la consapevolezza deve essere cresciuta. Tutte le attenzioni del caso per lo Shakhtar, una squadra forte che arriva dalla Champions, ma faremo la nostra partita e quello che saremo più bravi a fare”.

Come vive questa altalena di giudizi dei tifosi? La sprona o si sente eccessivamente bersagliato dalle critiche?

“Il calcio è bello perché è di tutti, sappiamo che dobbiamo essere abituati a questo tipo di giudizi. Di certo non è questo che mi sprona, la mia unica preoccupazione è migliorare sempre quello che faccio in campo per essere a posto con me stesso”.

Miglior assistman da fermo, ma ancora zero gol su punizione. E’ vero che in allenamento sta insistendo su questo?

“Si lega un po’ al discorso di prima, sono felice degli assist ma alle statistiche forse pensate più voi che noi. Sulle punizioni scegliamo insieme con lo staff di fermare ad allenarci. Ci sono tanti bravi tiratori, sia per punizioni che per angoli. L’importante è cercare sempre di migliorarsi, poi i risultati arriveranno”.

Come definiresti il progetto del club?

“Lo definisco sicuramente ambizioso. Ho avuto la possibilità di parlare con i Friedkin, Tiago Pinto e Fienga: ho capito l’ambizione che loro hanno. Sono felice di far parte di un progetto che vuole crescere. Sono un calciatore che ogni mattina viene al campo per migliorare. Sentire questa idea mi può solo che far piacere. Riconosco l’ambizione non solo nel club, ma anche nel mister e nei compagni. Questo ti fa venire felice al campo”.

Sugli errori individuali:

“Spesso ci siamo creati delle difficoltà da soli. In allenamento vediamo quello che dobbiamo fare la domenica in fase difensiva. Non subiamo tanti gol a meno che non ci creiamo da soli dei problemi. Dobbiamo stare concentrati sennò sparisce il lavoro che facciamo in settimana. Se vogliamo stare in alto c’è poco spazio per gli errori individuali”.

Qual è il piano per battere lo Shakhtar?

“L’unico dato per migliorare è vincere queste due partite. Iniziamo facendo tutto quello che abbiamo preparato, mantenendo la concentrazione e la consapevolezza di quello che stiamo facendo. Cerchiamo di vincere domani e la prossima settimana”.

Pensi la Serie A si sia abbassata di livello?

“Non dal mio punto di vista. Quest’anno stiamo vivendo uno dei campionati più belli dopo il monopolio vissuto con la Juve. La Serie A è il campionato più complicato insieme a Premier League e Liga. Noi cerchiamo comunque di non rientrare in queste squadre che fanno fatica in Europa League vincendo domani e la prossima settimana così prendiamo due piccioni con una fava”.

Fonte: TuttoMercatoWeb

Leggi anche: Roma, Fonseca: “Dzeko sarà convocato. Non mi piace giocare contro le mie ex squadre”

ULTIME NOTIZIE

Sorry! You are blocked from seeing ads