Milan, Tomori: “In Italia ero preoccupato per la lingua. Con lo United lotteremo fino alla fine”

Ha parlato in conferenza stampa il difensore del Milan Fikayo Tomori, alla vigilia della grande sfida contro il Manchester United in programma domani sera alle ore 18.55:

Milan e Manchester gara importante dopo le recenti vittorie?

“Si, sarebbe stata importante anche senza le ultime due vittorie, sarà difficile, siamo due grandi squadre, sarà una gara molto importante tra due formazioni storiche”.

Maldini ha parlato di te come grande talento, che significa per te?

“Ovviamente è stato molto bello, soprattutto da Maldini, mi da fiducia. Continuo a fare ciò che ho sempre fatto. Voglio giocare bene per me e per la mia squadra, mi focalizzo su quello che sta succedendo in questo momento, poi sul futuro vedremo. Ma sentire queste parole da Maldini mi fa piacere”.

Come ti trovi qui in Italia?

“Mi aspettavo una sfida diversa, in Italia dovevo abituami a cose diverse, ero preoccupato per la lingua ma c’è chi mi parla in inglese e io provo a parlare in italiano e pian piano ci stiamo trovando bene”.

Tu hai giocato in Inghilterra, qualche compagno ti ha chiesto cosa aspettarsi domani?

“Un po’ si, ma ormai tutti conoscono lo United, lo abbiamo studiato bene e fatto le nostre analisi, avevo poco da aggiungere. Sappiamo che hanno attaccanti veloci, sappiamo che sarà difficile. Lotteremo fino alla fine.”

Hai parlato con il Chelsea e Tuchel?

“Loro stanno bene, sono soddisfatti e c’è un grande ambiente, non ho sentito Tuchel ma capisco che lui si debba occupare di quello che succede al Chelsea e io di quello che succede al Milan. Non c’è nulla di male”.

Quanto è importante questa sfida come esame di maturità per il Milan? Le tante assenze sono un problema o uno stimolo?

“E’ uno stimolo, abbiamo un gruppo e tutti vogliono giocare, abbiamo grandi giocatori. Poi quando alzi contro una grande squadra alzi il livello, ma già contro il Verona abbiamo giocato molto bene”.

Cosa ti piace della Serie A e dell’Italia?

“Tutti hanno cercato di aiutarmi dall’inizio, sto cercando di imparare l’italiano. Sto giocando ad un buon livello ma voglio andare oltre. In Italia mi piace il tempo e il cibo, molto tranquillo. Mi trovo bene e spero di andare avanti cosi”.

Fonte: TuttoMercatoWeb

Leggi anche: Milan, Pioli: “Con lo United non è una finale anticipata. Stiamo lavorando per tornare a vincere”

ULTIME NOTIZIE