Milan, Kjaer in conferenza: “Superare il turno un grande segnale per il gruppo. Tomori? Ha mostrato tutta la sua fame”

Sorry! You are blocked from seeing ads

SEGUICI SU

Intervenuto in conferenza stampa, il difensore del Milan ha presentato la sfida di ritorno degli ottavi di finale di Europa League contro il Manchester United, in programma domani.

Il difensore danese del Milan Simon Kjaer ha risposto alle domande dei giornalisti alla vigilia della sfida decisiva per il passaggio ai quarti in Europa League, che vedrà il Manchester United arrivare a San Siro per ribaltare l’1-1 dell’andata. Queste le sue considerazioni.

Basta ripetere la partita d’andata o serve fare ancora meglio? “Bisogna sempre migliorare. La partita d’andata dice che le cose che abbiamo fatto là sono positive ma dobbiamo sempre migliorare. Dobbiamo continuare così”.

Cosa regalerebbe al gruppo il passaggio del turno? “Abbiamo fatto così tanto e siamo cresciuti così tanto che non bisogna più parlare del nostro gruppo come giovane. La strada per arrivare qui è stata lunga, ci sono stati step positivi e alcuni più difficili. Abbiamo avuto sempre la stessa giusta mentalità. Superare il turno sarebbe un grande segnale per il gruppo. Domani è una finale ma se passi il turno non è stato fatto comunque niente. Di certo sarebbe un segnale importante”.

Quanto è importante il ritorno di Ibrahimovic? “Ibrahimovic dà sempre qualcosa al gruppo sia quando è dentro che fuori dal campo. Chiaramente non sono il mister e non posso dire quali saranno le sue chance di giocare domani. Di certo la sua presenza è molto importante per noi”.

Quanto vi ha sorpreso lo United la settimana scorsa e quanto cambia il lavoro in difesa con Cavani? “Sapevamo che avremmo affrontato una squadra di grande qualità ma sapevamo che se avessimo giocato con le nostre qualità avremmo potuto metterli in difficoltà. Cavani lo conosco bene avendoci giocato al Palermo. La sua carriera parla per lui. Dovremo ripetere l’attenzione della partita d’andata. Per il Manchester è importante averlo, c’è rispetto per lo United ma faremo la nostra partita”.

Cosa ha fatto sì che tu e il Milan formaste una coppia perfetta? “Da quando sono arrivato mi è stato chiesto di essere un esempio di professionalità per i giovani e ho cercato di farlo al meglio. Il gruppo del Milan è fantastico. E’ affamato e ha voglia di imparare. Anche io ho imparato tanto da loro e sono cresciuto tanto. Dobbiamo continuare lavorare così e migliorare partita dopo partita”.

Ti aspettavi un rendimento così da Tomori? “Non conoscevo molto Tomori ma la mentalità con cui è entrato ha mostrato una fame di dimostrare chi era. E’ un difensore veloce e aggressivo che si vede raramente in Italia. Le partite che abbiamo fatto ci hanno fatto capire i movimenti da fare, una cosa importante per i difensori centrali. E’ un giovane con tantissime qualità”.

Cosa rispondi alle dichiarazioni di Eriksen? “Non ho sentito le sue parole però se lui ha detto qualcosa di male su di me stava scherzando mentre lo ringrazio se ha detto qualcosa di positivo”.

Fonte dichiarazioni: MilanNews.it.

Potrebbe interessarti anche: le parole di Legrottaglie sulle voci legate alla panchina del Palermo.

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads