Si scrive Bayern Monaco si legge perfezione. Il magico 2020 dei tedeschi

Bayern Monaco 2020
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Prosegue il momento magico del Bayern Monaco: Supercoppa Europea e quarto titolo del 2020.

2020 da incorniciare per il Bayern Monaco. I tedeschi si sono portati a casa il quarto trofeo dell’anno battendo il Siviglia nella finale di Supercoppa Europea Budapest. Dopo il triplete ottenuto nella stagione da poco conclusa, la squadra bavarese inizia la nuova annata calcistica alla grande come aveva concluso quella precedente. Un Magic Moment che affonda le proprie radici molto indietro nel tempo.

Bayern Monaco, alle radici di un modello calcistico vincente

E dire che poteva essere un anno tutt’altro che magico per il Bayern Monaco. L’inizio della scorsa stagione non fu dei migliori e culminò con l’esonero di Niko Kovač il 3 novembre scorso, dopo un pesante k.o. contro l’Eintracht Francoforte. La società decise, anche a sorpresa, di puntare sul vice di Kovač: ovvero su Hans-Dieter Flick che era stato vice di Joachim Löw nella nazionale tedesca. Da lì in poi i bavaresi hanno inanellato una serie infinita di vittorie, anche dopo il lockdown. Risultato? Bundesliga vinta per l’ottava volta consecutiva, seconda Coppa di Germania consecutiva e trionfo in Champions League vincendo tutte le partite della competizione. Per un 2020 letteralmente da sogno.

Un decennio da protagonisti che raggiunge il suo apice in questo 2020

Tuttavia questo magico 2020 per il Bayern Monaco nasce molto tempo prima. Dal 2010, infatti, i tedeschi hanno conquistato ben 25 trofei con un “triplete” già sul curriculum nel 2013 sotto la guida di Jupp Heynckes. Un modello di gestione calcistica e soprattutto di efficienza manageriale. Il Bayern è uno dei pochi club europei a non avere debiti e questo anche grazie alle ferree regole della federazione tedesca che impedisce alle società di iscriversi anche con debiti di lieve entità. Per contro, però, c’è anche un campionato in cui le rivali non sono all’altezza dei bavaresi. Resta comunque l’operato della società gestita da Karl Heinz Rumenigge. Un modello che crea benefici alla Nazionale tedesca, a cui il Bayern fornisce un bacino di campioni da anni e che ha portato quasi sempre la Germania ad arrivare fino in fondo nelle competizioni internazionali. Un meccanismo praticamente perfetto, come da tradizione teutonica.

FOTO: FC Bayern München Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO