Real Madrid, Hazard: “Spero di poter giocare altri 5-6 anni. Vi dico chi mi piaceva da piccolo”

Eden Hazard, attaccante del Real Madrid
Fonte foto: Profilo Twitter Eden Hazard

SEGUICI SU

Di seguito le parole dell’attaccante del Real Madrid, Eden Hazard, che si racconta ai microfoni di On The Front Foot: “Da piccolo mi piaceva molto l’Arsenal”

Spero di dimostrare poter giocare altri 5-6 anni. Da piccolo mi piaceva l’Arsenal”. Queste le dichiarazioni di Eden Hazard nell’intervista esclusiva rilasciata per la rivista On The Front Foot. Tanti i temi affrontati dall’attaccante del Real Madrid, dai continui infortuni che stanno ostacolando la sua carriera fino ad arrivare al suo futuro da calciatore.

Come affronto i miei infortuni? Devo dire che sono fortunato perché a casa ho la mia famiglia che mi aiuta a sopportare l’infortunio. Non è la fine del mondo, posso passare del tempo con i miei figli. Quando sei da solo è dura, ma per fortuna la mia famiglia mi sostiene”.

Ha poi proseguito: “Quando sei infortunato puoi fare tante cose. Puoi lavorare per guarire più velocemente, ma gli infortuni che ho subito richiedono tempo. Devo solo aspettare, lavorare sodo. e migliorare”.

Sul suo futuro: “Il mio desiderio è quello di giocare a calcio il più a lungo possibile e cerco sempre di godermi il gioco. Quando si tratta di ritiro, penso ai risultati, ma in questo momento la mia priorità è giocare bene e divertirmi. Non penso a come saranno i prossimi anni. Ho appena compiuto 30 anni, quindi fisicamente mi sento ancora bene. Spero di poter giocare per almeno altri cinque o sei anni“.

Sul passato: “Quando ero piccolo, la nazionale belga non era così forte come adesso. Così, la squadra che guardavo di più era la Francia. I giocatori a cui prestavo più attenzione erano Zidane ed Henry. È difficile per me ammettere, sopratutto perché sono un ex giocatore del Chelsea, ma all’epoca mi piaceva molto l’Arsenal, che aveva giocatori come Pires, Wiltord e Vieira”, come riporta ITASportPress.

LEGGI ANCHE: Zaniolo, posa come modello per Dolce & Gabbana e querela rivista di gossip.

COMMENTA L'ARTICOLO