Qualificazioni Mondiali 2022: cinquina del Brasile, vincono Argentina e Colombia

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Al via nella notte italiana del 9 ottobre in Sudamerica la prima giornata del girone di qualificazione per il Mondiale che si svolgerà in Qatar nel 2022. Le grandi nazioni sudamericane, da sempre protagoniste della competizione, si sfideranno in un girone all’italiana composto da 10 squadre, delle quali solo le prime 4 riusciranno a qualificarsi direttamente per la Coppa del Mondo, mentre la quinta posizione offre la chance di giocarsi il playoff intercontinentale. Le sfide si protrarranno fino al 29 marzo 2022, data dell’ultima giornata del girone. Grandi favorite il Brasile, l’Argentina, la Colombia, l’Uruguay e il Cile, che con ogni probabilità si spartiranno le prime 5 posizioni, ma occhio alle sorprese sempre dietro l’angolo.

I risultati della prima giornata di qualificazioni mondiali

La prima tornata di gare ha soddisfatto le aspettative con le big tutte tornate a casa con i tre punti. Il Brasile di Tite ha strapazzato la Bolivia con un netto 5-0, grazie ad un Neymar in grande spolvero, senza gol ma autore di due assist e in generale di una prova di alto livello. Protagonista anche l’attaccante del Liverpool Roberto Firmino che ha siglato una doppietta. Vince di rigore l’Argentina di Leo Messi su un Ecuador sempre tosto da affrontare, mentre ha vita facile anche la Colombia che supera il Venezuela con le reti degli “atalantini” Luis Muriel (doppietta) e Duvan Zapata. Il match più atteso di giornata è stato certamente quello andato in scena all’Estadio Centenario di Montevideo, dove Uruguay e Cile hanno dato vita ad una partita combattuta e decisa solo nel recupero del secondo tempo dalla stoccata vincente di Maxi Gómez. Conclusa con un pareggio per 2-2 Paraguay-Perù, dunque appaiate in classifica ad 1 punto. La seconda giornata si giocherà tra il 13 e il 14 ottobre e vedrà opporsi Bolivia-Argentina, Ecuador-Uruguay, Venezuela-Paraguay, Perù-Brasile e Cile-Colombia.

foto: Twitter Ufficiale CONMEBOL

COMMENTA L'ARTICOLO